Israele. Netanyahu rinuncia e rimette il mandato di premier al Presidente della Repubblica. Ora toccherà a Gantz

Israele. Netanyahu rinuncia e rimette il mandato di premier al Presidente della Repubblica. Ora toccherà a Gantz

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato di non essere riuscito a formare una coalizione dopo quasi quattro settimane di sforzi, e quindi ha restituito il mandato per formare un governo al presidente Reuven Rivlin. Lo si apprende da Times of Israel. Domani mattina si prevede che Rivlin affiderà a Benny Gantz, leader del partito Blu e Bianco, il mandato per cercare di riunire una coalizione che possa ottenere la maggioranza della Knesset. Blu e Bianco ha affermato che era determinato a costruire un “governo di unità liberale” con Gantz al timone.

In una dichiarazione video, Netanyahu ha affermato di aver lavorato “incessantemente” negli ultimi 26 giorni per formare un “ampio governo di unità nazionale”, che avrebbe incluso gli alleati religiosi del suo partito Likud e il partito rivale Blu e Bianco, ma che era stato contrastato dal suo leader Gantz. “Questo è ciò che la gente vuole”, ha detto. “Questo è ciò di cui Israele ha bisogno alla luce delle crescenti sfide alla sicurezza che deve affrontare”. “Nelle ultime settimane ho fatto ogni sforzo per portare Benny Gantz al tavolo dei negoziati”, ha detto Netanyahu. “Sfortunatamente, ha semplicemente rifiutato di volta in volta”.

Netanyahu per la formazione di un governo aveva tempo fino a mercoledì. Gantz avrà ora 28 giorni per provare ad avere successo dove Netanyahu ha fallito. Una dichiarazione dell’ufficio di Rivlin afferma che il presidente ha ricevuto la richiesta di Netanyahu di restituire il mandato e che il direttore generale della presidenza informerà i capi dei partiti che Rivlin intende ora incaricare Gantz di formare un esecutivo.

Share