Una veglia con centinaia di persone per ricordare il giovane Niccolò massacrato in una discoteca in Spagna

Una veglia con centinaia di persone per ricordare il giovane Niccolò massacrato in una discoteca in Spagna

Centinaia di persone hanno riempito mercoledì sera la chiesa della parrocchia di Gesù Buon Pastore a Scandicci, in occasione della veglia per Niccolò Ciatti (nella foto), il giovane italiano pestato a morte nella discoteca di Lloret de Mar, in Spagna, da tre ceceni. ”Sono contentissimo per la vicinanza di tutti i miei concittadini stasera e spero che questo serva perchè voglio che venga fatta veramente giustizia per mio figlio” ha detto il padre Luigi uscendo dalla chiesa. ”Spero che queste belve paghino – ha aggiunto – ma già due di loro non si sa dove sono”.

L’aggressore: lottatore professionista, forse con addestramento paramilitare Intanto le indagini proseguono: ad averlo aggredito e picchiato è stato Rasul Bisultanov, un 24enne ceceno professionista della lotta libera. Bisultanov risulta nato nel 1993 in Cecenia, da tempo a Strasburgo dove avrebbe chiesto asilo politico proprio per sfuggire al situazione nel suo Paese, professionista della lotta libera. Il suo allenatore nella città francese ha riferito che il suo training era iniziato sei anni fa e lo descrive come “un giovane tranquillo che non ha mai causato problemi”. Eppure nel video delle telecamere di sicurezza si vede Bisultanov colpire Ciatti con un calcio in faccia. Furia, violenza ma anche precisione derivata anche dalla sua attività sportiva per cui era tesserato e che praticava anche in tornei. La polizia catalana (i Mossos de Esquadra) ha ipotizzato che lui – come i complici – avessero ricevuto un addestramento paramilitare.   Alfano: i responsabili siano puniti Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, ha avuto un colloquio telefonico con il ministro degli Esteri spagnolo, Alfonso Dastis, per sensibilizzarlo in merito alla tragedia di Niccolò Ciatti: è quanto si legge in una nota diffusa dalla Farnesina. Nel pieno rispetto dell’indipendenza della magistratura spagnola, Alfano ha chiesto a Dastis di fare il possibile perché tutti i responsabili del delitto siano presto giudicati e condannati. Attesa per il ritorno in Italia della salma I medici spagnoli hanno terminato l’autopsia e a breve dovrebbe arrivare il nulla osta per poter fare rientrare in Italia il corpo del giovane.  Chiuso per accertamenti il locale Saint Trop La discoteca in cui è morto Niccolò Ciatti, a Lloret de Mar, resta chiusa in via provvisoria: le autorità stanno verificando se il locale rispettasse i requisiti di sicurezza.

Share