BpVi: inammissibile risarcire solo il 10% delle azioni perse. Federconsumatori dice no all’elemosina di Banca Popolare di Vicenza

BpVi: inammissibile risarcire solo il 10% delle azioni perse.  Federconsumatori dice no all’elemosina di Banca Popolare di Vicenza

Il 18 ottobre 2016 si è tenuta a Vicenza presso l’Alfa Fiera Hotel l’assemblea, organizzata da Federconsumatori Vicenza, Federconsumatori Veneto e Federconsumatori Nazionale con gli azionisti nostri associati. In tale occasione si è data risposta alle notizie trapelate attraverso la stampa e che darebbero come possibile un protocollo di conciliazione elaborato da Banca Popolare di Vicenza, da sottoporre per la firma alle Associazioni dei Consumatori coinvolte nel caso, che prevede un risarcimento del 10-15% del valore per ciascuna azione posseduta dal consumatore da calcolarsi sul prezzo di acquisto.

Tale proposta per Federconsumatori risulta inaccettabile, una vera e propria forma di elemosina rispetto a quanto perso dai risparmiatori. La nostra azione non si fermerà fino a quando non si troverà una soluzione soddisfacente ed equa per i risparmiatori che hanno perso tutti i loro soldi e si trovano a non poter affrontare spese necessarie per la loro vita. Per i casi più gravi ed evidenti avvieremo delle specifiche azioni legali, inoltre è allo studio una class action affinché i risparmiatori coinvolti trovino un giusto risarcimento.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.