Cadono in un pozzetto storditi dalle esalazioni, morti due operai al petrolchimico di Priolo (Siracusa). Immediato lo sciopero generale

Cadono in un pozzetto storditi dalle esalazioni, morti due operai al petrolchimico di Priolo (Siracusa). Immediato lo sciopero generale

Incidente mortale nel polo petrolchimico di Priolo (Siracusa). Nel corso di lavori di manutenzione due operai di un’azienda metalmeccanica dell’indotto sono caduti in un pozzetto, perdendo la vita. Inutili, dopo il recupero dei due sfortunati operai, tutte le manovre di rianimazione del personale del 118 giunto in pochi minuti sul luogo della tragedia. I colleghi e gli addetti alla sicurezza li hanno recuperati e hanno provato a rianimarli con un massaggio cardiaco ma la caduta e le esalazioni sono risultate fatali.

Il trentatreenne Michele Assente, di Siracusa, sarebbe presto diventato padre di un bimbo. Le vittime sono Salvatore Pizzolo di 37 anni, e appunto Michele Assente di 33 anni. La dinamica dell’incidente non è ancora stata del tutto chiarita, il magistrato ha già disposto il sequestro dell’area. I sindacati hanno proclamato per giovedì 10 settembre lo sciopero generale, cui aderiranno tutte le categorie impegnate nella raffineria e nell’indotto. Sempre Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto al prefetto di attivare un tavolo di confronto sulle emergenze della zona industriale, con la presenza dei rappresentati delle istituzioni, delle forze sindacali e delle associazioni d’impresa.

Share

Leave a Reply