Nigeria, falso studente si fa esplodere a scuola. Sospetti su Boko Haram

Nigeria, falso studente si fa esplodere a scuola. Sospetti su Boko Haram

Ha guadagnato prima l’entrata della scuola fingendosi uno studente, a Potiskum, nello stato di Yobe nel nord-est della Nigeria, ha nascosto l’ordigno in uno zaino alla moda tra gli studenti locali e poi si è fatto esplodere durante l’appello all’inizio delle lezioni. L’insano attentato kamikaze ha causato un numero ancora imprecisato di vittime e feriti, tra gli 11 e i 20 anni d’età, secondo quanto hanno rilevato le forze dell’ordine nigeriane. I militari accorsi sul posto sono stati presi a sassate dai genitori disperati delle vittime. L’attentato, per il momento, non è stato rivendicato da nessuna organizzazione, ma il sospetto è che dietro la vicenda ci sia la mano di Boko Haram, non nuova a simili azioni contro edifici scolastici, veicolo di educazione e cultura di stampo occidentale. “Stiamo ancora ricevendo i feriti della scuola che si trova a poca distanza da qui”, ha dichiarato un medico del Potiskum General Hospital. “La nostra priorità adesso è quella di salvare i feriti, motivo per cui non abbiamo ancora cominciato la conta dei morti”.

Perché i sospetti su Boko Haram

Nel linguaggio degli Hausa, Boko Haram può essere tradotto nell’espressione “l’istruzione occidentale è peccato”. Come spiega magistralmente Enrico Franceschini nel suo blog: “haram vuol dire “peccato” o “proibito”. Quando nel 1903 il califfato che governava l’odierna Nigeria cadde sotto controllo britannico, i musulmani locali protestarono contro l’imposizione di un sistema scolastico non islamico. Fu a quell’epoca che venne in uso la frase “ilimin boko” per descrivere il tipo di scuole aperte dai colonialisti. “Ilimin” vuol dire “educazione, istruzione”, per cui “ilimin boko” si traduce come “falsa istruzione”, nel senso di una forma di istruzione imposta dal governo coloniale straniero, in quel caso occidentale. Voleva dunque dire “istruzione occidentale” in senso peggiorativo, negativo. Con il passare del tempo la frase fu accorciata semplicemente in “boko”. Boko Haram, dunque, significherebbe proprio “l’istruzione occidentale è peccato”. Il gruppo terroristico islamico non è nuovo ad azioni indegne di questo tipo. Nella sua non invidiabile bacheca figurano diversi rapimenti di donne, poi costrette a convertirsi all’Islam, a sposarsi e a sopportare abusi di ogni tipo.

Share

Leave a Reply