L’addio di Brittany, la ragazza che ha scelto di morire

L’addio di Brittany, la ragazza che ha scelto di morire

“Addio a tutti i miei cari amici e alla mia famiglia, che amo. Oggi è il giorno che ho scelto per morire con dignità, davanti alla mia malattia terminale, questo terribile cancro che ha portato via così tanto da me, ma che avrebbe preso ancora di più. Il mondo è un bel posto, il viaggio è stato il mio maestro più grande, i miei amici più stretti e miei parenti sono le persone più generose e altruiste. Ho anche un cerchio di supporto intorno al mio letto, mentre scrivo… Addio mondo. Spargete buona energia. Siate generosi, pagate in anticipo per restituire ad altri il bene che ricevete”. Con queste parole, postate sul proprio profilo Facebook, Brittany Maynard ha deciso di salutare tutti, amici o meno, prima di ingerire i farmaci letali che le hanno evitato la lunga sofferenza a cui era stata condannata da un cancro al cervello.

Ha scelto l’eutanasia, Brittany, per non sfinirsi dietro una malattia che l’aveva comunque già condannata. Sabato sera, nella sua casa, nel suo letto, ha deciso di deporre le armi, riservando gli ultimi momenti al marito e alla madre, testimoni dell’ultimo inesorabile gesto. La lunga agonia era iniziata a gennaio, mese in cui le era stato comunicato il cancro fatale. Da lì, la scelta di non curarsi e di godersi gli ultimi mesi della sua vita, sei a detta dei medici. Poi il trasferimento in Oregon, dove, grazie al Death With Dignity Act, un medico ha potuto prescriverle i farmaci utilizzati per scrivere la parola fine sulla sua personale storia. Ha voluto aspettare il 1° novembre, Brittany, per festeggiare per l’ultima volta il compleanno di suo marito, regalandosi nel mezzo tanti viaggi e tanti ultimi desideri, realizzati senza il dolore della convalescenza, senza le debolezze e le costrizioni causate da cure -alla fine dei giochi- inutili.

Share

Leave a Reply