Berlusconi ha un sogno: “Conquistare la maggioranza del Paese”

Berlusconi ha un sogno: “Conquistare la maggioranza del Paese”

Nuovo intervento dell’ex Cavaliere ad una convention di Forza Italia. Il tentativo è quello di resuscitare un partito finito ormai nel letargo.

Era e resta il suo sogno nel cassetto, vincere le elezioni e dominare la scena politica nazionale. Berlusconi, come il lupo, cambia il pelo ma non il vizio, ed in una domenica decisamente estiva, ha parzialmente scaldato, con vecchie idee, l’agone politico. Chi conosce la storia politica di Forza Italia, conosce anche le sante coalizioni con Alleanza Nazionale, con la Lega e con il partito di Casini. Poi stanco di dover concordare con gli alleati ogni passo politico e programmatico, il prode Silvio pensò bene di azzerare Forza Italia, assorbire An e trattare con Bossi e Casini. La fusione a freddo però non ha portato  frutti all’albero della Destra, meglio di Berlusconi ha fatto in queste ore il Segretario della Lega Salvini, che ha condiviso, alla luce del sole l’apparentamento con madame Le Pen, portando in piazza a Milano, circa 100mila persone ed insieme a loro, concedere l’accesso agli eredi di dittature che il mondo e la civiltà hanno ripudiato. Dunque, tornado a Berlusconi, nel mezzo della mischia, ancora una volta, come per altro è suo costume, ha tentato di smarcarsi. Orfano di Fini, Casini, La Russa, e dell’’amico Bossi, caduto in disgrazia in terra padana, l’ex Cavaliere tenta una carta straordinaria, quella di conquistare la maggioranza del consenso degli italiani. Sul punto, il parallelo con il Premier Renzi è calzante, visto che l’ex Sindaco di Firenze ha le stesse, identiche intenzioni, governare il Paese dall’alto di una maggioranza bulgara e senza alcun disturbo. Berlusconi, di fronte a sondaggi impietosi, non poteva far altro che galvanizzare, se ancora ci riesce, almeno il suo partito ed i suoi dirigenti, visto che il corpo elettorale, di fronte ad analoghe interpretazioni (quelle di Renzi ndr) sceglie sempre il più giovane, a prescindere dall’appartenenza politica. Ma cosa ha detto di nuovo rispetto al passato, l’ex Premier ed ex Cavaliere? Telefonando ad un’iniziativa di Fi a Civitanova Marche, Berlusconi ha lanciato il sasso nella palude di Forza Italia, carica di debite e scarsa di nuove adesioni: “Bisogna fare di Forza Italia  la rappresentante di tutti i moderati, maggioritaria nel paese, che possa prendere in mano il governo del paese e garantire a tutti una totale assoluta libertà.  E’ venuto il momento di reagire. C’è – ha detto ancora – una sola possibilità per far diventare l’Italia un paese governabile. Riuscire a trasformare il ceto medio da maggioranza numerica in consapevole maggioranza politica organizzata, che possa dare a noi vittoria. Sappiamo di doverci molto, molto preoccupare perchè i giustizialisti non possano prevalere con norme che limitino la nostra libertà. Abbiamo aperto le porte a tutti quelli che vogliono tornare”. Siamo aperti a tutti coloro che hanno pensato fosse meglio andare da un’altra parte e cercare di formare un altro partito – ha aggiunto il Cavaliere – ma poi questo partito ha tradito le loro aspettative”. Poi però la chiusura netta agli alfaniani, almeno per ora, “le porte restano chiuse per tutti quelli che ritengono ancora sia una posizione giusta stare al governo con la sinistra”.

Share

Leave a Reply