Produzione industriale. L’Istat registra la settima flessione tendenziale consecutiva. Per Federconsumatori, necessarie misure di sostegno al potere di acquisto delle famiglie

Produzione industriale. L’Istat registra la settima flessione tendenziale consecutiva. Per Federconsumatori, necessarie misure di sostegno al potere di acquisto delle famiglie

“Rendere operative le misure di sostegno al potere di acquisto delle famiglie e i piani per il rilancio dell’occupazione”. Così in una nota Federconsumatori commenta i dati diffusi oggi dall’Istat sulla produzione industriale a settembre che è calata dello 0,4% su agosto e del 2,1% rispetto a settembre 2018. “Si tratta – spiega l’associazione dei consumatori – della settima flessione tendenziale consecutiva, rileva l’Istituto di Statistica, evidenziando come l’economia italiana abbia urgentemente bisogno di misure decise per la ripresa. Le famiglie attendono, infatti, provvedimenti che possano incidere positivamente sul loro potere di acquisto: primi su tutti il taglio del cuneo fiscale e il bonus figli. Per questo è urgente renderli operativi al più presto, per agire positivamente in direzione di una ripresa della domanda interna”.

Per Federconsumatori, “non è bastato evitare l’aumento dell’Iva. Ora è necessario operare una rimodulazione delle aliquote, per fare in modo che la tassazione non pesi in maniera eccessiva su alcuni beni di prima necessità che invece vengono considerati ”beni di lusso” tassati al 22%. Tra questi il latte in polvere e i pannolini per bambini, nonché gli assorbenti femminili. Inoltre si rende fondamentale avviare un piano capace di dare nuovo slancio al mercato occupazionale con lo stanziamento di investimenti per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione. Da qui, infatti, bisogna ripartire per dare nuove prospettive di crescita all’intero sistema economico e alle famiglie”.

Share