Roma. La 17enne morta a San Giovanni, forse suicida, aveva denunciato un tassista per violenza sessuale

Roma. La 17enne morta a San Giovanni, forse suicida, aveva denunciato un tassista per violenza sessuale

Aveva presentato una denuncia per violenza sessuale contro un tassista, la diciassettenne morta nella notte dopo esser precipitata dalla finestra del sesto piano di una palazzina nel quartiere romano di San Giovanni. Il mese scorso si era presentata in commissariato e aveva denunciato di esser stata aggredita dall’uomo. Sulla vicenda la procura di Roma aveva aperto un fascicolo sul quale erano in corso una serie di indagini che oggi sono confluite nella nuova inchiesta aperta per istigazione al suicidio.

Pochi i dubbi sul fatto che si sia trattato di un suicidio ma ancora non è chiaro se e quanto quella violenza abbia influito sulla decisione di farla finita. Anche perché la studentessa, di origini australiane, aveva una vita complessa e per tanti aspetti dolorosa da molto prima di incontrare quell’uomo: era un’adolescente più fragile delle altre, da anni in cura psichiatrica e con rapporti in famiglia non sempre facili. Spesso passava il suo tempo nell’appartamento dell’amica, poco più grande di lei. Ed era proprio dalla sua amica, ieri, quando è precipitata dalla finestra. Le due ragazze erano uscite e, tornate in casa, erano insieme quando la 17enne si è allontanata ed è entrata nella camera esposta su Via Pomezia.

L’amica non ha dato peso alla cosa, ma dopo qualche minuto ha voluto cercarla per accertarsi che stesse bene: quando ha aperto la porta della camera, ha visto la finestra spalancata e le luci lampeggianti dell’ambulanza che era appena arrivata, chiamata dai vicini dopo il tonfo del corpo, precipitato dal sesto piano. La vittima è stata portata all’ospedale San Giovanni dove è arrivata in condizioni disperate ed è morta poco dopo. La salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha disposto l’autopsia e messo sotto sequestro il pc e il telefono cellulare della ragazza per ulteriori verifiche.

Share