Federconsumatori. Legge di Bilancio: Inascoltate le richieste di un necessario ed adeguato finanziamento per la salute nel nostro Paese. Ignorata l’emergenza risorse da destinare al Servizio Sanitario Nazionale e per garantire ai cittadini l’accesso alle cure

Federconsumatori. Legge di Bilancio: Inascoltate le richieste di un necessario ed adeguato finanziamento per la salute nel nostro Paese. Ignorata l’emergenza risorse da destinare al Servizio Sanitario Nazionale e per garantire ai cittadini l’accesso alle cure

Riteniamo estremamente grave che non sia stata recepita la richiesta di destinare al Servizio Sanitario le risorse necessarie per garantire l’accesso alle cure e ai trattamenti. Sono 12 milioni, secondo il CENSIS, i cittadini che nel nostro Paese sono costretti a rinunciare a cure e prevenzione.

Preoccupa in particolar modo la volontà di ignorare la crescente domanda di salute e non mettere a disposizione le risorse per sanare i disservizi del Servizio Sanitario Nazionale, a cominciare dalle “liste di attesa sempre più lunghe”.

Federconsumatori ritiene inaccettabile:

  • rinunciare a finanziare adeguatamente il Servizio Sanitario Nazionale affinché mantenga carattere universalistico , solidale ed egualitario;
  • costringere i cittadini a spendere 35 miliardi per curarsi di tasca propria;
  • ignorare i bisogni di salute e la domanda sanitaria.

La salute è un diritto inalienabile che richiede risorse adeguate e politiche di prevenzione e cura, a maggior ragione alla luce del progressivo invecchiamento della popolazione. È ora che il Governo, oltre a preoccuparsi di aumentare i diritti addizionali per le farmacie notturne, si preoccupi di potenziare la sanità pubblica in base ai bisogni e alla domanda di salute dei cittadini. Investire in prevenzione equivale ad investire in salute. Non affrontare le crescenti difficoltà del Servizio Sanitario Nazionale, invece, significa negare il diritto alla salute.

Share