Favori sessuali in cambio di fondi: archiviata la vicenda del sindaco di Mantova Palazzi

Favori sessuali in cambio di fondi: archiviata la vicenda del sindaco di Mantova Palazzi
La Procura di Mantova ha chiesto l’archiviazione dell’indagine ai danni del sindaco di Mantova Mattia Palazzi per l’ipotesi di tentata concussione continuata: il primo cittadino era accusato di avere richiesto favori sessuali in cambio di fondi comunali ad una rappresentante di un’associazione culturale. In una nota Palazzi spiega di aver “accolto con grande soddisfazione la richiesta di archiviazione dell’indagine che mi riguardava da parte della Procura di Mantova, che ringrazio per aver proceduto con efficienza e in tempi estremamente rapidi. Non ho mai smesso di credere nel lavoro della magistratura e nella sua capacità di identificare la verità. Continua il nostro impegno per Mantova, che non si è fermato neanche nei momenti più difficili, perché siamo sempre stati convinti della correttezza e dell’onestà dell’operato di tutta la squadra di governo”. 
“Avevo dichiarato da subito di essere estraneo a questa grave accusa – ha poi scritto il sindaco su Facebook – ho vissuto un incubo, ma ho sempre avuto fiducia nella Magistratura e ringrazio la Procura per la velocità e serietà delle indagini. Ma il ringraziamento più grande lo devo a voi, alla giunta e maggioranza, alla mia famiglia e amici di sempre, ai miei legali, ai tantissimi che mi hanno fatto arrivare messaggi di affetto e incoraggiamento. Sono stati importanti per aiutarmi ad andare avanti nel lavoro di sindaco e onorare la fiducia che i mantovani hanno riposto in me”, ha concluso.
 
Share