Londra. Scotland Yard previene un attentato forse di matrice jihadista. Arrestato un ventisettenne in possesso di molti coltelli

Londra. Scotland Yard previene un attentato forse di matrice jihadista. Arrestato un ventisettenne in possesso di molti coltelli

Un uomo armato di coltelli e sospettato di voler compiere un attacco terroristico è stato arrestato nel primo pomeriggio di giovedì a Londra, nei pressi del Parlamento di Westminster, teatro di un attentato lo scorso marzo. Lo ha annunciato la polizia britannica.

Ventisettenne, l’uomo è accusato di “detenzione di armi” e “preparazione ed esecuzione di atti di terrorismo”, ha precisato Scotland Yard in un comunicato. E’ stato posto in stato di fermo in un commissariato del sud di Londra e sul caso stanno indagando gli inquirenti dell’antiterrorismo. “Tutto è accaduto nel giro di pochi secondi”, ha raccontato Niklas Hallen, un fotografo dell’Afp presente sul posto. “Ho visto un uomo steso a terra con dei poliziotti intorno che poi lo hanno portato via”. Dalle immagini pubblicate sui media, l’uomo è di pelle scura, ha barba e capelli neri. Interpellato dall’Afp, un portavoce di Scotland Yard ha assicurato che nessuno è rimasto ferito nell’incidente e che dopo l’arresto non vi era “più una minaccia immediata”. La polizia ha confermato che l’uomo è stato trovato in possesso di diversi coltelli come sostenuto da testimoni. L’arresto è avvenuto all’incrocio fra Parliament Street e Parliament Square, nelle immediate vicinanze di Westminster.

Intorno la polizia ha subito disposto un perimetro di sicurezza e ha chiuso al traffico l’area, includendo anche Downing Street, la residenza del Primo ministro. Alcuni poliziotti in giubbotto antiproiettili presidiavano le estremità del perimetro di un centinaio di metri disposto per permettere il lavoro della polizia scientifica. Gli agenti di quest’ultima hanno esaminato meticolosamente lo zaino del sospetto. Poco dopo le 16, terminato il loro lavoro, si sono allontanati a bordo di un furgone e l’area è stata riaperta alla circolazione. Il 22 marzo un uomo aveva lanciato la sua auto sulla folla sul ponte di Westminster prima di accoltellare uccidendolo un poliziotto davanti al Parlamento. Nell’attacco sono morte in tutto cinque persone. Il suo autore, Khalid Masood, cittadino britannico convertito all’islam e di simpatie jihadiste era stato abbattuto. L’attentato era stato rivendicato dallo Stato islamico (Isis).

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.