Auto. A Detroit il 6° incontro della rete sindacale globale di Fca-Cnhi. Fiom: il Gruppo riconosca il coordinamento delle organizzazioni dei lavoratori. La dipendenza di mercato e produttiva fra Usa ed Europa

Auto. A Detroit il 6° incontro della rete sindacale globale di Fca-Cnhi. Fiom: il Gruppo riconosca il coordinamento delle organizzazioni dei lavoratori. La dipendenza di mercato e produttiva fra Usa ed Europa

Inizia domani, a Detroit, e proseguirà nei giorni 15 e 16 marzo, il 6° incontro della rete sindacale globale del Gruppo Fca-Cnhi. I precedenti meeting sono stati ospitati a Torino, presso la sede del centro di formazione dell’Ilo, quest’anno per la prima volta le delegazioni si incontreranno negli Stati Uniti. All’incontro parteciperanno le organizzazioni sindacali dei principali paesi di insediamento di Fca-Cnhi (Italia, Stati Uniti, Brasile, Canada, Polonia ecc. ) affiliati alla federazione internazionale Industrial Global Union.

La Fiom sarà presente all’incontro di Detroit con una delegazione composta dal responsabile della Fiom nazionale per Fca e per il settore auto Michele De Palma, dal segretario generale della Fiom di Torino Federico Bellono e dal responsabile dell’Ufficio internazionale Stefano Maruca.

Il meeting globale – afferma una nota del sindacato – si tiene in un momento di particolare importanza per il settore e per il futuro della casa automobilistica italo-americana, il cui amministratore delegato a più riprese ha rilanciato l’idea di fusione con altri tra i principali costruttori. Le strategie in un settore attraversato da grandi cambiamenti determinano incertezze sul futuro produttivo e occupazionale del gruppo.

Per la delegazione Fiom il confronto globale è fondamentale per la interdipendenza di mercato e produttiva tra gli Stati Uniti e l’Europa. Il coordinamento sindacale deve confrontarsi con le nuove politiche dell’amministrazione americana, le legislazioni sulle emissioni, la crescita del settore nelle regioni asiatiche, i cambiamenti tecnologici sul prodotto e sul processo.

Questi cambiamenti fanno inoltre da cornice ad altri specifici del nostro paese come le scadenze tra il 2017 e il 2018 del piano industriale e delle intese sindacali da cui la Fiom è stata esclusa. Pertanto il 2017 – conclude  la nota Fiom – è un anno decisivo per il gruppo Fca e per i lavoratori. Le scelte del management sull’assetto societario e quelle industriali (a partire dalla sfida mondiale di innovazione per l’auto ecologica, a guida assistita e connessa) e occupazionali, saranno al centro del confronto con le delegazioni che giungeranno a Detroit.

La Fiom parteciperà quindi a un meeting utile ad analisi e azioni comuni per raggiungere finalmente l’obiettivo che Fca, come accade per altri grandi gruppi, riconosca il coordinamento sindacale globale, dopo l’accordo raggiunto sul Comitato aziendale europeo, per un confronto costante e partecipato.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.