La Fiom Cgil denuncia: “Alla Fca-Cnhi accordo unilaterale. Tutto è nelle mani dell’azienda”

La Fiom Cgil denuncia: “Alla Fca-Cnhi accordo unilaterale. Tutto è nelle mani dell’azienda”

L’intesa raggiunta per i lavoratori dei gruppi Fca e Cnhi “è stata realizzata escludendo dal negoziato sia i lavoratori, visto che le assemblee tenute sono state rare eccezioni, sia la Fiom da un tavolo comune”. Così le tute blu della Cgil commentano l’accordo di ieri (7 luglio). I sindacati – esclusa la Fiom – hanno firmato con Fiat Chrysler Automobiles e Cnh Industrial il rinnovo del contratto aziendale valido per il periodo 2015-2018, che prevede un salario variabile legato al risultato. Accordo che consegna “tutto nelle mani dell’azienda: salario, orari e diritti”. Il sindacato spiega: “Vista la totale assenza di mandato e la mancanza di trasparenza e informazione per i lavoratori, nel corso dei nove mesi di incontri tenuti tra direzione aziendale e sindacati firmatari, constatiamo che anche in questo caso bastano le firme dei sindacati che escludono per l’ennesima volta il voto dei lavoratori sull’accordo. Se fosse stato un buon accordo, i sindacati che hanno firmato non avrebbero avuto nessuna difficoltà a tenere un referendum per validare la firma dell’ipotesi di accordo, ma così non è stato, ed è prevedibile che neanche a posteriori i lavoratori verranno chiamati a validare con il voto l’accordo. Perché?

a) L’accordo non prevede aumenti in paga base che facciano recuperare ai lavoratori di Fca e Cnhi quanto perso uscendo dal Contratto nazionale ed applicando il “contratto Fiat” che avrebbe dovuto pagare “salari tedeschi”.

b) Prevede un premio diviso per fasce di cui solo una minima parte è certa, esempio 308 euro diviso in quattro trance nel corso dell’anno, il resto è completamente variabile sulla base di due indicatori, uno legato al Wcm e all’efficienza e l’altro sulla base di parametri come i volumi di vendita e dai volumi d’affari variabili a seconda del gruppo di appartenenza Cnhi o Fca.

c) Introduce nel sistema di orario disponibile per la direzione aziendale di ogni singolo stabilimento i 20 turni già adottati a Melfi senza il voto dei lavoratori e che hanno peggiorato le condizioni di vita e di lavoro.

d) Limita per i delegati dei sindacati firmatari il diritto di indizione di sciopero, infatti per poter scioperare in un reparto per un problema specifico che l’azienda dopo tempo non ha risolto debbono riunirsi tutti i delegati e decidere con un voto a maggioranza.

e) Cancella i livelli per i futuri assunti e stabilisce le fasce professionali ridotte a tre, così non ci sarà più relazione tra la crescita man mano di capacità, merito, esperienza e aumento dei livelli e corrispettivo salario.

La direzione aziendale ormai decide tutto unilateralmente: orario, turni, salario, diritti sindacali dei lavoratori, carichi e ritmi di lavoro senza che i lavoratori possano proporre, partecipare e decidere”. Il sindacato infine conclude: “Sarebbe un sistema perfetto di esclusione dalle decisioni di chi lavora se non fosse che i lavoratori con il proprio voto espresso per l’elezioni degli Rls chiedono il ritorno ai tavoli negoziali di un sindacato proprio e non aziendale: chiedono che a negoziare ci sia anche la Fiom”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.