Pacifici (Comunità Ebraica) e Parenzo (Matrix), bloccati per ore dalla Polizia polacca all’interno di Auschwitz

Pacifici (Comunità Ebraica) e Parenzo (Matrix), bloccati per ore dalla Polizia polacca all’interno di Auschwitz

“Siamo stati sequestrati per un’ora dalla polizia polacca dentro Auschwitz dopo trasmissione di Matrix. Una vergogna”. È quanto ha fatto sapere nella mattinata di mercoledì il presidente della comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici su Twitter. In altri tweet Pacifici ha poi aggiunto: “Il campo era abbandonato e senza sicurezza. Il reato mio e di David Parenzo è stato quello di provare ad uscire da una finestra! Il reato non è ‘intrusione’ ma essere usciti senza aspettare la sicurezza di Auschwitz che era sparita! Vi sono tre gradi di Polizia. Non siamo affatto spaventati. Bensì stupefatti di questa farsa da cui gli stessi poliziotti polacchi non sanno come uscirne”. Pacifici continua a scrivere: “Usciti – si legge in un post – tutti ora dal commissariato. Una follia”. Il presidente della Comunità ebraica racconta così la sua disavventura in Polonia: la scorsa notte è stato fermato ad Auschwitz per diverse ore insieme all’inviato di Matrix Davide Parenzo, alla troupe televisiva e al portavoce della stessa comunità Fabio Perugia. Dopo un collegamento in diretta da Auschwitz, si sono trovati bloccati all’interno del campo e non ricevendo alcun aiuto hanno aperto una finestra. Scattato l’allarme, sono stati fermati dalla polizia polacca. “Vicenda incredibile – scrive Parenzo su Twitter – grazie alla #farnesina e all’on @ernestocarbone che ci hanno aiutato @ricpacifici @fabioperugia”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.