Fca. De Palma, Fiom Cgil, 2019 negativo per l’occupazione

Fca. De Palma, Fiom Cgil, 2019 negativo per l’occupazione

“La FIOM registra una divaricazione tra i risultati positivi negli Usa e la crisi di volumi produttivi e di nuovi modelli che in Europa ha segnato il -10% dei ‘ricavi netti frutto principalmente di minori volumi’. Questo dato ha segnato negativamente il 2019 per i lavoratori italiani con l’estensione della cassa integrazione e la riduzione dell’occupazione in stabilimenti strategici come quelli di Torino e di Grugliasco” dichiara in una nota Michele De Palma, segretario nazionale FIOM-Cgil e responsabile automotive dopo che l’ad di Fca Mike Manley ha comunicato oggi la soddisfazione per il raggiungimento degli obiettivi raggiunti per gli azionisti e per il Combination Agreement con Psa. “Il 2020 è un’incognita perché nei primi mesi dell’anno – prosegue De Palma – continuano a registrarsi l’utilizzo di ammortizzatori sociali in attesa dei prossimi mesi in cui il lancio di nuovi modelli e delle alimentazioni ibride ed elettriche dovranno trovare riscontro sul mercato per ridurre gli effetti su occupazione e salario. Permangono le incertezze negli stabilimenti dei motori diesel di Pratola Serra e Cento data la decrescita del mercato, e negli stabilimenti di assemblaggio di Cassino e Pomigliano ancora in attesa delle nuove missioni produttive”.

“È necessario – sottolinea – un intervento straordinario che produca investimenti nella ricerca e sviluppo della elettro mobilità, del self drive e della condivisione. È necessaria una transizione a partire dalle tecnologie necessarie come le batterie, punto reale di competizione mondiale e dei ‘servizi’ legati all’auto”. La FIOM chiede un confronto con Fca e il Governo per affrontare il cambiamento tecnologico, produttivo e di mercato perché non siano i lavoratori a pagare il conto. La FIOM ritiene indispensabile rilanciare il settore automotive investendo in innovazione e formazione dei lavoratori in un accordo tra Fca, Governo e sindacati che individui gli strumenti necessari per affrontare la transizione e la fusione con Psa.

Share