Si è spento a 65 anni, dopo una lunga malattia, Bruno Papignani, leader della Fiom di Bologna e dell’Emilia Romagna. Il nostro cordoglio

Si è spento a 65 anni, dopo una lunga malattia, Bruno Papignani, leader della Fiom di Bologna e dell’Emilia Romagna. Il nostro cordoglio

E’ morto a Bologna, dopo una malattia durata sei anni, Bruno Papignani, storico esponente della Fiom-Cgil, di cui era stato segretario prima di Bologna, poi regionale dell’Emilia-Romagna. Era nato a Vergato (Bologna) 65 anni fa ed è stato protagonista di moltissime vertenze che hanno riguardato le imprese metalmeccaniche dell’Emilia-Romagna. “Ciao Bruno, grazie di tutto”. Con questo messaggio e una foto che lo ritrae in uno dei tanti interventi dal palco, la Fiom di Bologna dà l’annuncio su Facebook della morte di Bruno Papignani.

Il cordoglio di Samuele Lodi, segretario generale della Fiom Cgil dell’Emilia Romagna 

“Oggi ci la lasciati Bruno Papignani. La sua storia costruita su militanza, passione, intelligenza, forza e cuore si è arricchita anche di grande dignità e sobrietà nell’affrontare anche questa ultima e difficile fase della sua vita. Un grande sindacalista, un grande compagno e una grande persona che ha determinato una pagina importante della storia della Fiom e che ci lascia un’eredità politica e morale enorme”. Samuele Lodi, segretario generale della Fiom Emilia-Romagna, ricorda in una nota il suo predecessore Bruno Papignani. “La Fiom dell’Emilia Romagna, unitamente a tutte le compagne e compagni dei territori e dei luoghi di lavoro – aggiunge Lodi – si vogliono stringere alla famiglia convinti del fatto che Bruno, la sua vita, le sue azioni e le sue parole rimarranno vive anche in futuro e continueranno ad accompagnare tutti nel difficile cammino dell’emancipazione e della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori”.

Il saluto a Bruno Papignani del sindaco di Bologna Merola, a nome dell’intera città

“Se n’è andato un sindacalista, coraggioso e intraprendente. Un instancabile protagonista dei tavoli di salvaguardia per i lavoratori e le lavoratrici. Un uomo che aveva anche saputo rinnovare il modo di comunicare l’azione sindacale per coinvolgere la cittadinanza nelle lotte di tutti coloro che ha difeso con grande passione”. Così il sindaco di Bologna Virginio Merola ricorda Bruno Papignani, segretario generale Fiom di Bologna e poi regionale. “Era una persona non comune che ci mancherà. Ha risolto tante crisi aziendali e si è sempre confrontato in modo franco con tutti, istituzioni comprese. In questa stagione di crisi aziendali perdiamo una persona perbene, sempre capace di pensare anche al bene comune”, dice Merola. “A nome dell’Amministrazione Comunale – prosegue – mi stringo ai familiari, alla Fiom e alla Cgil tutta, certo di interpretare il sentimento di una città che sa riconoscere il valore delle persone. A tutto questo aggiungo il mio dolore personale, di sindaco e di uomo”.

Al cordoglio della Fiom e della Cgil aggiungiamo anche il nostro.

Share