Manovra, Silp Cgil: in maxiemendamento tagli a pensioni poliziotti

Manovra, Silp Cgil: in maxiemendamento tagli a pensioni poliziotti

“Mentre in Francia si danno aumenti di 300 euro alle forze dell’ordine, in Italia il governo taglierà anche le pensioni dei poliziotti. Una vergogna che denunciamo con forza e che cercheremo di impedire in ogni modo”. Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil.

“Con il maxiemendamento alla legge di bilancio, infatti – dice Tissone – , il governo scopre le carte, attaccando direttamente le pensioni dei poliziotti e di tutti gli operatori delle forze dell’ordine: il previsto stop graduale all’adeguamento degli assegni al costo della vita, a partire dai 1.500 euro in su, non colpisce solo le ‘pensioni d’oro’, ma anche e soprattutto i redditi di decine di migliaia di operatori in quiescenza. Si tratta di circa 200 euro in meno all’anno. Uno schiaffo dopo una vita di pericoli e sacrifici”.

“Nella manovra, peraltro – conclude Tissone -, non si parla neanche di previdenza complementare per i poliziotti più giovani che, col sistema retributivo puro o misto, rischiano di essere i poveri del domani. L’esecutivo del ‘cambiamento’, da questo punto di vista, è assolutamente in linea con i tagli e le promesse non mantenute di chi lo ha preceduto”.

Share