Caso Montante, già nel 2016 le accuse di un imprenditore siciliano in antimafia. Venturi: “Allontanatelo da Unioncamere e Camera di commercio”

Caso Montante, già nel 2016 le accuse di un imprenditore siciliano in antimafia. Venturi: “Allontanatelo da Unioncamere e Camera di commercio”

“La politica nazionale deve intervenire al più presto per allontanare Montante (nella foto) dalla presidenza della camera di commercio, da Unioncamere e da tutti i ruoli istituzionali che lui ricopre, perché costituisce un allarmante rischio di condizionamento per le istituzioni”. Lo disse l’imprenditore Marco Venturi davanti alla Commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi. L’audizione risale al dicembre del 2016. “Montante negli anni addietro – aggiungeva Venturi – dietro il paravento dell’antimafia di facciata, ha insediato e cooptato una classe dirigente di potenti composta una sfilza di imprenditori, politici, professionisti, amministratori pubblici dal fare opaco, presentati e accreditati come paladini della legalita’, che da svariati anni condizionano il potere politico, burocratico ed economico della Sicilia. Un nuovo sistema, coperto dalla maschera dell’antimafia di facciata, macchiato da inquietanti collusioni in cui si celano cinismi, legami e affari”.

Share