Va a spasso con il cagnolino e le tagliano la gola. Orrore a Milano

Va a spasso con il cagnolino e le tagliano la gola. Orrore a Milano
Il cadavere di una donna  è stato ritrovato nel parco di Villa Litta nei pressi di viale Affori, all’alba di questo giovedì, l’ipotesi è che si tratti di omicidio. La donna, infatti, riporta una ferita da arma da taglio sul collo, sul caso indaga la squadra mobile. La vittima aveva 67 anni, pensionata, con figli ma viveva da sola in zona. Era uscita per portare a passeggio il cane, come d’abitudine. La chiamata al 118 è arrivata alle 7.07, la donna era in fin di vita ed è deceduta prima che fosse possibile provare a soccorrerla, anche se potrebbe aver detto qualcosa ai suoi soccorritori. Il cadavere, da una prima parziale ricostruzione del medico legale, riporta una ferita da arma da taglio profonda al collo, non ci sono evidenti altri segni di violenza ma sarà l’autopsia a fornire dettagli in merito. L’area dove si è consumato quello che sembra un delitto, è frequentata dagli abitanti di questo quartiere residenziale per attività fisiche e semplici passeggiate.
“Era una persona che conduceva una vita normale, curata ma non appariscente, una donna dalla vita limpida”. A dirlo è un conoscente di Marilena Negri, la 67enne trovata uccisa stamani a Villa Litta, un parco cittadino di Milano. “Purtroppo 12 anni fa aveva subito un grave lutto con la morte del marito, un ciclista amatoriale travolto da un’auto a Monza, mentre correva in gruppo”, ha raccontato una vicina di casa. La vittima aveva due figli grandi, una dei quali, una giovane, abita con il compagno in un appartamento nello stesso palazzo dove risiedeva la 67enne, nella vicina via Novaro. La giovane è stata avvisata di quanto successo dalla Polizia, e a lei è stata affidata Liz, la cagnolina che la madre stamani stava portando a spasso.
 
Share