Adescava adolescenti sui social o davanti alle scuole di Reggio Emilia. Arrestato dai carabinieri

Adescava adolescenti sui social o davanti alle scuole di Reggio Emilia. Arrestato dai carabinieri
In oltre 10 anni ha adescato decine di adolescenti sia all’uscita da scuola sia attraverso social network come Facebook. Ma nella giornata di giovedì la carriera criminale di un quarantenne sudamericano è finita, visto che intorno ai suoi polsi sono scattate le manette dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Reggio Emilia che – spiega una nota dell’Arma – hanno “documentato centinaia e centinaia di abusi commessi”. Sino ad ora sono trenta le giovani vittime identificate. L’uomo ha anche ‘postato’ in rete alcuni video dei rapporti sessuali ripresi di nascosto con i giovani. L’inchiesta coordinata dalla Procura di Bologna è stata ribattezzata ‘Lost Innocence’.
I carabinieri reggiani hanno ricostruito come in dieci anni l’uomo fosse riuscito a crearsi una sorta di alter ego femminile, ‘pubblicizzandolo’ tra gli adolescenti come una propria cugina particolarmente disinibita. Dalla finestra della propria abitazione gettava banconote ai minori in uscita da scuola – alcuni di soli 13 anni – inducendoli a salire in casa e a consumare rapporti sessuali con quella che pensavano essere la ‘donna dei propri sogni’.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.