Germania. Caccia al siriano sospettato di aver pianificato un attentato a Chemnitz, in Sassonia

Germania. Caccia al siriano sospettato di aver pianificato un attentato a Chemnitz, in Sassonia

Una vera e propria caccia all’uomo si è aperta sabato 8 ottobre nella regione della Sassonia in Germania: la polizia tedesca cerca un siriano di 22 anni, Jaber Albakr, sospettato di aver pianificato un attacco terroristico a Chemnitz. La polizia ha fatto irruzione nel suo appartamento dopo aver ricevuto informazioni dai servizi di sicurezza nella notte di venerdì sul progetto di attentato.

I vicini del siriano hanno affermato di aver sentito delle esplosioni, ma la portavoce della polizia tedesca ha poi chiarito che si tratta dei colpi sparati nell’operazione di polizia nel tentativo di far saltare la porta dell’abitazione. La polizia ha anche comunicato di non aver trovato nessun nell’appartamento e che avrebbe dato inizio alla caccia all’uomo. Non sono stati diffusi ulteriori dettagli sul sospettato o se nell’appartamento siano stati ritrovato esplosivi. “L’indagine continua”, ha detto la portavoce.

La Germani è stata al centro di due attentati compiuti questa estate, e rivendicati dallo Stato islamico. Molti sono stati i feriti, mentre gli attentatori sono rimasti uccisi. Due altri attentati, non collegati all’estremismo islamista, tra i quali quello compiuto in un centro commerciale di Monaco, hanno alimentato il terrore collettivo. Gli attentati di luglio hanno elevato il senso di insicurezza anche in Germania, dopo il 13 novembre di Parigi e il 22 marzo di Bruxelles. Aumenta il rischio di un allargamento del sentimento popolare di xenofobia, anche perché alcuni leader politici di estrema destra, come l’Alternativ fur Deutschland, imputano l’escalation di attentati in Germania alla politica di accoglienza dei profughi e dei migranti di Angela Merkel. A questo proposito, la stampa tedesca ha rivelato che i servizi di sicurezza hanno identificato 523 persone a rischio di terrorismo, metà dei quali residenti in Germania.

Share

Leave a Reply