Golden Globes 2016: trionfa il Redivivo. L’Italia esulta per Ennio Morricone, migliore colonna sonora

Golden Globes 2016: trionfa il Redivivo. L’Italia esulta per Ennio Morricone, migliore colonna sonora

Domenica notte al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles la scena dei Golden Globes è tutta su “The Revenant”, l’ultimo film di Alejandro González Iñárritu, ispirato alla vera storia del cacciatore Glass, che sbaraglia la concorrenza portando a casa gli ambitissimi premi di miglior film, regia e attore protagonista. Un grande successo, quindi, per Leonardo di Caprio, accolto da una standing ovation, che finalmente può davvero sperare in quell’Oscar mai arrivato in carriera. Subito dopo la consegna del premio non è passato inosservato l’abbraccio emozionante che Kate Winslet ha riservato all’attore: i due, carissimi amici nella vita, sono cresciuti professionalmente insieme, partendo dalla pluripremiata pellicola del 1997 “Titanic”.

Grande emozioni per l’Italia che vede assegnare ad Ennio Morricone il suo terzo Golden Globe. Il maestro italiano, compositore di centinaia di colonne sonore vince il premio della stampa estera a Hollywood per la musica di “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino. Assente il musicista, il premio è stato ritirato da Tarantino stesso che in italiano ha ringraziato Morricone e la moglie. “Per quel che mi riguarda – ha detto il regista – Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema, ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert”.

Tarantino ha inoltre voluto sottolineare l’importanza di questo riconoscimento oltre oceano. “Morricone non ha mai vinto un premio per uno dei film che ha fatto; ha vinto in Italia, ma mai qui in America e voglio ringraziarlo: a 87 anni ha realizzato una fantastica colonna sonora e finalmente vinto un premio prestigioso”. Il regista si riferisce, ovviamente, alle tante nomination agli Oscar ricevute e mai concretizzate in una statuetta, se non quella l’Oscar alla carriera ricevuto nel 2007.

A sorpresa, miglior attrice protagonista in un film drammatico è Brie Larson per “Room”, che batte Kate Blanchett (“Carol”). Inaspettata anche la vittoria di Kate Winslet come attrice non protagonista per il suo ruolo in “Steve Jobs”. La pellicola sul fondatore della Apple porta invece a casa, come previsto, il globo alla miglior sceneggiatura, vinto da Aaron Sorkin.

“The Martian” di Ridley Scott si aggiudica il premio come migliore commedia  e come miglior attore protagonista, Matt Damon, anche se definirlo migliore commedia o musical è difficile. Persino il regista Ridley Scott ci ha scherzato: “Una commedia? Sono onorato, pensavo sarebbe stato postumo ma invece questo è arrivato. Grazie.”

Il primo Golden Globe della sua lunga carriera è andato a Sylvester Stallone, tornato ancora una volta nei panni di Rocky, mentre il film d’animazione dell’anno è “Inside Out” firmato dal regista premio Oscar Pete Docter, già noto per “Up”.

Share

Leave a Reply