Comincia da questo week end il nuovo autunno caldo della scuola. Gli appuntamenti di sabato

Comincia da questo week end il nuovo autunno caldo della scuola. Gli appuntamenti di sabato

Si apre oggi, 22 ottobre, con la manifestazione del personale Ata davanti al Ministero dell’Istruzione dalle ore 10 un fine settimana di iniziative di protesta dei lavoratori della scuola, organizzato unitariamente dai sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda, e che vedrà sabato prossimo, 24 ottobre, una giornata nazionale di mobilitazione con manifestazioni unitarie in tutte le regioni d’Italia.

Obiettivi dell’azione sindacale sono il rinnovo dei contratti, scaduti da sette anni e la modifica delle disposizioni legislative (dalla legge di Stabilità 2015 alla legge 107) “che penalizzano la scuola, ostacolandone il buon funzionamento, e il suo personale, cui viene da troppo tempo negato un giusto riconoscimento sul piano professionale e retributivo”.

“Oggi saremo in piazza per ribadire l’importanza delle funzioni che svolge nella scuola il personale Ata e denunciare la scarsa considerazione in cui vengono tenute dal governo e da scelte legislative lacunose o sbagliate”, affermano in una nota Flc Cgil, Cisl Scuola, Uilscuola, Snals e Gilda che hanno obiettivi precisi: un piano di assunzioni che assuma come priorità la stabilizzazione del personale precario, la modifica delle norme che proibiscono di sostituire i lavoratori assenti; lapiena e corretta applicazione delle norme contrattuali; lo stop ai tagli di organico e all’esternalizzazione dei servizi; la fine dei disservizi Sidi, un sistema informatico che impedisce alle segreterie scolastiche di lavorare serenamente.

Sabato 24 ottobre, invece, come detto, la mobilitazione si allargherà a tutto il paese, con iniziative a livello regionale sotto lo slogan l’Unione fa la scuola (#unionefalascuola l’hashtag per la diretta Twitter).

Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda saranno infatti presenti in molte piazze italiane a fianco dei lavoratori per portare al governo una chiara richiesta: dare più valore al lavoro della scuola cambiando la legge 107 e rinnovando i contratti.

Qui di seguito l’elenco degli appuntamenti di sabato:

Abruzzo: incontro a Pescara dalle ore 11.00 alle ore 13.00 presso l’Aula Magna IPSAAR De Cecco in Via dei Sabini 53;

Basilicata: manifestazione a Potenza con partenza del corteo da Via Anzio alle ore 11.00;

Campania: manifestazione a Napoli. Il concentramento sarà dalle ore 9,00 in Piazza Matteotti. Il successivo corteo muoverà verso la Prefettura in Piazza del Plebiscito, passando per via Diaz, via Medina, Piazza Municipio, via Vittorio Emanuele III, via San Carlo, Piazza Trieste e Trento.

Emilia Romagna: manifestazione a Bologna. Il concentramento sarà alle ore 9,30 davanti all’USR Via dei Castagnoli – Largo Respighi. L’arrivo è previsto in Piazza Santo Stefano alle ore 10.30 circa. Si prevede la chiusura della manifestazione attorno alle 13;

Friuli Venezia Giulia: sit-it a Trieste in Piazza dell’Unità d’Italia dalle ore 10.30 alle ore 14.00;

Lazio: manifestazione a Roma. Partenza del corteo da Piazza della Repubblica alle ore 15.00 con arrivo a Piazza SS. Apostoli;

Liguria: manifestazione a Genova a partire dalle ore 10.00 a Largo E. Lanfranco, di fronte la Prefettura;

Lombardia: manifestazione a Milano a partire dalle ore 9.30 in Piazza Santo Stefano. Le conclusioni, previste per le 12.30, saranno affidate ad Anna Fedeli, segretaria nazionale FLC CGIL;

Molise: volantinaggio in tutte le scuole della regione dalle ore 8.00 alle ore 10.00;

Piemonte: manifestazione a Torino a partire dalle ore 14.30 in Piazza Castello. Le conclusioni saranno affidate a Luigi Rossi, segretario nazionale FLC CGIL. Seguirà un’esibizione musicale degli studenti del liceo Cavour di Torino;

Puglia: manifestazione a Bari. Partenza del corteo da Piazza Prefettura alle ore 17.00. Prevista fiaccolata e concerto finale;

Sardegna: manifestazione a Cagliari a partire dalle ore 16.30 in via Roma (lato porto);

Sicilia: manifestazione a Catania a partire dalle ore 16.00 in Piazza Teatro Massimo e a Palermo a partire dalle ore 15.00 in Piazza Verdi;

Toscana: assemblea a Firenze dalle ore 10.00 alle ore 12.00 presso l’Aula Battilani dell’Università di Firenze in via Santa Reparata 65;

Umbria: manifestazioni a Perugia a partire dalle ore 11.00 in Piazza Italia e a Terni a partire dalle ore 10.00 davanti la Prefettura;

Valle d’Aosta: conferenza stampa ad Aosta presso il Convitto Regionale “Federico Chabod”;

Veneto: manifestazione a Venezia dalle ore 11.00 alle ore 16.00 presso il Campo San Geremia.

da rassegna.it

Share

Leave a Reply