Terrorismo, la Questura di Roma alla stampa: “Adottare efficaci misure di sicurezza passive”

Terrorismo, la Questura di Roma alla stampa: “Adottare efficaci misure di sicurezza passive”
La Questura di Roma ha alzato il livello delle misure contro possibili attacchi di cellule terroriste ed ha inviato alle redazioni degli organi di informazione un preciso messaggio, che va ad aggiungersi a quanto fatto fino ad ora, con servizi fissi e mobili davanti alle sedi di quotidiani, televisioni, radio e periodici.
Alla luce dei recenti avvenimenti occorsi in Francia e dell’esigenza di prevenire eventuali analoghi episodi, la Questura di Roma ha predisposto e reso operativo un piano, coordinato con le altre forze di Polizia, che prevede un rafforzamento delle misure di sicurezza per gli obiettivi sensibili più a rischio.
Al fine di rendere ancora più efficaci le misure adottate, la Questura invita gli organismi di stampa a dotarsi, laddove non si sia già provveduto, delle più idonee misure di sicurezza passiva, quali blindature di ingressi o metal detector e sistemi di videosorveglianza da collegare con le sale operative della Polizia di Stato o con quella del Comando Provinciale dei Carabinieri.
Stop alle gite scolastiche verso Parigi circolare dell’Ufficio scolastico regionale del Lazio
 Ma gli attacchi di Parigi rimbalzano anche nelle scuole capitoline e della regione e ne faranno le spese nelle prossime settimane anche le tradizionali gite scolastiche. Un circolare dell’Ufficio scolastico regionale del Lazio è infatti più che chiara: “A seguito dell’attentato del 7 gennaio 2015 alla sede del giornale Charlie Hebdo a Parigi, il Primo Ministro francese ha deciso di elevare il livello del dispositivo ‘allarme attentato’ nella regione dell’Ile de France, e per le Accademie di Parigi, Creteil e Versailles, quindi i dirigenti scolastici “sono invitati a valutare l’opportunità di effettuare nell’attuale periodo viaggi d’istruzione a Parigi e nella regione dell’Ile-de-France”.
In Campidoglio cerimonia con il Sindaco, l’Ambasciatore di Francia e il Segretario del Centro islamico
Ma non c’è solo prevenzione paura per quanto è accaduto o potrebbe accadere, ieri in Campidoglio da registrare anche una cerimonia che segna la reazione della Capitale di fronte all’attacco terroristico. Roma, Parigi e l’Islam uniti nel dialogo, grazie ad un incontro che si è tenuto in Campidoglio fra l’ambasciatore di Francia, Catherine Colonna, e il segretario generale del Centro Islamico Culturale d’Italia, Abdellah Redouane. Un evento promosso dal presidente dell’Assemblea capitolina, Valeria Baglio (Pd), con la presenza del sindaco Ignazio Marino, a seguito degli attacchi terroristici compiuti la scorsa settimana nella Capitale francese, a partire da quello nella redazione del giornale satirico francese “Charlie Hebdo”. Distribuite a tutti i presenti copie proprio del settimanale, mentre tavole realizzate appositamente per l’evento sono state presentate dai disegnatori della Scuola romana fumetti, della Scuola internazionale Comics e della Scuola internazionale di design.
Share

Leave a Reply