Le missioni spaziali del 2015

Le missioni spaziali del 2015

Lo scorso giovedì 14 Gennaio intorno alle ore 10:00  italiane si è verificato un incidente nel segmento statunitense della Stazione Spaziale che ha costretto gli astronauti, tra cui Samantha Cristoforetti a trasferirsi nel segmento russo. L’allarme scattato per l’alta temperatura della cabina ha subito fatto pensare ad una perdita di ammoniaca che è altamente tossica. Dopo il trasferimento degli astronauti e lo spegnimento delle strumentazioni nel segmento sono iniziale le analisi. Verso le ore 20:00, dopo diverse ore di controlli, si è arrivati alla conclusione che l’incidente fosse in realtà solamente un guasto tecnico del computer. Gli astronauti del segmento statunitense, dopo aver tolto le maschere e essersi assicurati la sicurezza del loro modulo, sono comunque rimasti ‘’per la notte’’ nel segmento russo a causa del malfunzionamento del sistema di raffreddamento.

Fortunatamente è stato solo un falso allarme e nonostante questo piccolo intoppo le ricerche scientifiche nello spazio non s’interromperanno di certo. Con l’inizio di questo nuovo anno chiamato ‘anno del pianeta nano’ partirà anche la nuova missione alla scoperta dei pianeti Cerere e Plutone, condotta dall’americano Scott Kelly e il russo Mikhail Kornienko. I due da marzo rimarranno in orbita per quasi un anno e il loro lavoro sarà  di fondamentale importanza per le future esplorazioni del sistema solare. Nel mese di settembre parteciperà alla missione di breve durata, già iniziata a marzo, il danese Andreas Mogensen. Poi a Novembre sarà la volta dell’inglese Timothy Peake che darà inizio alla missione Principia (nome scelto in onore dello scritto di Isaac Newton ‘Naturalis Principia Mathematica’).

Tra le prospettive spaziali del 2015 , importanti sono quella del lancio del  satellite ADM-Aeolus che monitorerà i cambi di vento e permetterà agli esperti di riuscire a prevedere più facilmente le situazioni metereologiche e quella del ritorno sulla luna. Gli studiosi vogliono portare i semi di alcune piante per verificarne la possibile crescita nonostante la ridotta gravità e le  radiazioni.

Meno importanti ma più folli e ancora più costosi sono i viaggi spaziali che vedranno come primi ‘turisti’ Lady Gaga, Leonardo Di Caprio, Angelina Jolie, Ashton Kutcher e Justin Bieber. Il miliardario inglese Sir Richard Branson ha già firmato i vari accordi con le autorità aereonautiche americane per le prassi burocratiche dei viaggi. Un viaggio costa circa 250,000 dollari  e i biglietti comprati sono già stati 600.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.