Ebola, il dottor Salia muore negli Stati Uniti

Ebola, il dottor Salia muore negli Stati Uniti

Il dottor Martin Salia, medico originario della Sierra Leone, è morto ad Omaha, al Nebraska Medical Center, dove era ricoverato da sabato scorso dopo aver contratto il virus dell’ebola proprio in Sierra Leone. A renderlo noto l’ospedale, il quale ha dichiarato che il medico, un chirurgo del Kissy United Methodist Hospital di Freetown, purtroppo era arrivato negli Usa in condizioni già molto critiche, con insufficienza renale e respiratoria. “Nonostante i nostri migliori sforzi, non siamo riusciti a salvarlo” ha aggiunto l’equipe del Nebraska Medical Center. L’uomo, nativo della Sierra Leone, aveva deciso di tornare nel suo paese d’origine per mettere le proprie competenze al servizio dell’umanità. Lì, il team che si è preso cura di lui ha subito etichettato come critica la sua condizione e la moglie di Salia ha spinto per portarlo dalla Sierra Leone negli Stati Uniti, come poi è effettivamente accaduto. È stato il decimo paziente colpito dall’ebola ad essere curato negli Usa, e la seconda vittima dopo quella di Thomas Duncan, il paziente zero di 42 anni deceduto all’ospedale di Dallas poche settimane fa.

Share

Leave a Reply