Filippine. Doppio attentato a cattedrale cattolica dell’isola di Jolo: almeno 18 morti, oltre 80 feriti. Ancora nessuna rivendicazione

Filippine. Doppio attentato a cattedrale cattolica dell’isola di Jolo: almeno 18 morti, oltre 80 feriti. Ancora nessuna rivendicazione

Due bombe sono state fatte esplodere contro una chiesa cattolica nell’isola filippina di Jolo, a maggioranza musulmana e roccaforte dell’insorgenza islamica, causando la morte di almeno 18 persone. Appena pochi giorni fa gli elettori hanno appoggiato in un referendum la creazione della maggior autonomia musulmana nella regione e gli esperti si domandano se gli estremisti vogliano colpire il processo di pace. Una potente prima esplosione ha causato vittime durante la funzione religiosa e pochi istanti dopo un’altra detonazione, probabilmente di una motobomba, ha ucciso anche i soldati accorsi per soccorrere i feriti. Si tratta di uno degli attacchi più gravi nel martoriato sud delle Filippine da anni, prova di quanto la violenza sia ancora protagonista nonostante i passi verso la pace. Nel referendum è stato approvato un piano che attribuisce ai musulmani nel sud più controllo sui propri affari locali, nella speranza di ridurre la violenza dei separatisti.

Manila ha reagito velocemente all’attentato, che non è stato ancora rivendicato. “Perseguiremo fino ai confini della Terra gli spietati responsabili di questo ignobile crimine”, ha dichiarato il portavoce del presidente, Salvador Panelo, sottolineando che “la legge non avrà pietà”. Tra i morti ci sono cinque soldati, un membro della guardia costiera e 12 civili, mentre i feriti sono 83, secondo l’esercito. Il capo della polizia regionale Graciano Mijares aveva in precedenza parlato di 27 morti. Le autorità ritengono che responsabile dell’attentato possa essere il gruppo Abu Sayyaf: “Quando parliamo di terrorismo a Sulu, il primo sospetto è sempre su Abu Sayyaf, ma consideriamo anche la possibilità che l’autore sia un altro”, ha detto Gerry Besana, colonnello dell’esercito. Jolo è una base per il gruppo islamista, accusato di vari attentati dinamitardi tra cui quello su un ferry nella baia di Manila nel 2004, in cui morirono 116 persone. Fu l’attentato più grave del Paese. Abu Sayyaf è una rete di militanti nata negli anni ’90 con denaro della rete al-Qaeda di Osama bin Laden, da allora ha guadagnato milioni di dollari con banditismo e sequestri a scopo di estorsione, spesso prendendo di mira cittadini stranieri. È tra le reti basate nella regione di Mindanao, dove alcuni membri hanno giurato fedeltà al gruppo Stato islamico. Abu Sayyaf non è parte del processo di pace che dura da decenni con il più grande gruppo separatista della nazione, il Moro Islamic Liberation Front, che il 21 gennaio è sfociato nell’approvazione della nuova regione a guida musulmana nel sud, Bangsamoro. La provincia di Sulu, che include Jolo, ha votato contro la creazione della regione autonoma, ma l’area fa parte di Bangsamoro. Le autorità si domandano ora se lo scopo del nuovo attentato sia far deragliare il processo di pace. Ne sono responsabili “estremisti criminali”, ha detto il consigliere alla Sicurezza nazionale Hermogenes Esperon, “non consentiremo loro di tradire la preferenza popolare per la pace, che deve prevalere sulla guerra”.

Share