Volontaria italiana rapita in Kenya. Lavorava per una ong, i banditi potrebbero essere miliziani islamici

Volontaria italiana rapita in Kenya. Lavorava per una ong, i banditi potrebbero essere miliziani islamici

Uomini armati hanno rapito una volontaria italiana, Silvia Costanza Romano, di 23 anni sulla costa del Kenya: lo ha riferito il capo della polizia keniota Joseph Boinnet. Il rapimento sarebbe avvenuto durante un attacco avvenuto ieri sera, alle 20 ora locale, nel centro commerciale di Chakama, a circa 80 chilometri a ovest di Malindi nella contea di Kilifi, nel sud-est del Paese. La banda di uomini, armata di fucili AK 47, ha ferito anche 5 persone, tra le quali un ragazzino di 12 anni in modo grave. Secondo Boinnet, non è chiaro il motivo dell’attacco, nè chi se ne sia reso responsabile. Nella zona ci sono stati rapimenti di stranieri da parte di fondamentalisti islamici con base in Somalia. Si sospetta che si tratti di un’azione condotta da militanti Al-Shabaab. Nell’attacco avvenuto a Chakama Town sono rimaste ferite cinque persone.

Gli uomini che hanno lanciato l’assalto erano armati di fucili e hanno iniziato a sparare “in maniera indiscriminata” prima di rapire la donna di 23 anni nel centro di formazione della contea di Kilifi County. Tra i cinque feriti ci sono anche due bambini. La polizia locale ha dichiarato di indagare sull’evento come un atto terroristico. “La banda ha rapito una donna italiana di 23 anni, volontaria per la ong Africa Milele Onlus, che opera nell’area”, ha aggiunto la polizia in un tweet parlando dell’attacco di ieri sera intorno alle 20:00 ora locale. “Tutti i feriti sono stati portati in ospedale”, si legge sullo stesso account in cui si parla di un 23enne, Samini Garama Dadu, ferito gravemente al collo. Tra i feriti anche il 16enne Ibrahim Said, colpito al ginocchio sinistro, Elias Mwaringa Kathua, 12 anni, ferito alla coscia, Mohamed Kalume Konde, 10 anni, a cui hanno sparato all’occhio sinistro e il 20enne Mang Katana Jeffa, anche lui colpito alla coscia. “Assicuriamo che non stiamo lesinando sforzi per rintracciare i criminali e recuperare la vittima”, ha scritto ancora la polizia aggiungendo che le identità degli uomini del commando non sono note.

Share