In piazza il malcontento dei romani. In migliaia in Campidoglio alla manifestazione #Romadicebasta, chiedono le dimissioni della sindaca Raggi

In piazza il malcontento dei romani. In migliaia in Campidoglio alla manifestazione #Romadicebasta, chiedono le dimissioni della sindaca Raggi

Migliaia di persone in piazza, per la prima volta, apertamente, contro l’Amministrazione di Roma Capitale e la sindaca Raggi. Almeno in cinquemila hanno raccolto l’appello lanciato via Facebook dal comitato civico ‘Tutti per Roma’, formato da sei donne romane (Emma Amiconi, Francesca Barzini, Tatiana Campioni, Roberta Bernabei, Valeria Grilli e Martina Cardelli) che hanno lanciato il sit in ‘Roma dice basta’. Una piazza gremita per dire basta al degrado in cui è precipitata la città, fatto di buche, autobus in fiamme, rifiuti in strada e disservizi nella mobilità e nei servizi. ”Vogliamo che Roma – ha scandito una delle organizzatrici in piazza – torni ad essere una città amministrata e amministrata bene. Siamo consapevoli che i problemi in ballo sono tanti e complessi, hanno radici profonde ed antiche e non ci illudiamo che i tempi per risalire siano veloci ma noi vogliamo ricominciare. Rivogliamo Roma bella, accogliente e tollerante. Lasciate nei sacchi le vostre proposte perché è da qui che ricominceremo”.

Tanti i cartelli portati in piazza, e come è nello stile dei romani assolutamente ironici e al vetriolo nei confronti dell’amministrazione in carica, si andava da “Roma (pulita) o morte” a “Roma sembra l’Emmental”. In piazza anche alcuni esponenti del centrosinistra e dei radicali, ma nessuna bandiera di partito. Si è trattato di una manifestazione spontanea che nessuno ha potuto cavalcare o strumentalizzare. Sicuramente il cartello #Romadicebasta, si farà promotore di altri appuntamenti per incalzare la sindaca e la sua amministrazione. Quanto alla sindaca Raggi è la conclusione di una settimana decisamente tutta da dimenticare, visto quanto accaduto a Roma con la morte della povera Desirèe e lo stato di degrado in cui versa il quartiere San Lorenzo, il cedimento strutturale della scala mobile alla stazione Repubblica della Metro A ed il processo che a giorni arriverà a sentenza. La manifestazione  di piazza del Campidoglio segna, per la prima volta, la fine di una presunta luna di miele dell’amministrazione pentastellata con la città.

Share