Contratti dipendenti pubblici in dirittura di arrivo. Ma ci sono ancora difficoltà. Sorrentino ( Fp Cgil). Il governo mantenga gli impegni per l’aumento di 85 euro medi mensili per il 2016-2018. “Preoccupazioni” per il rinnovo del comparto Sicurezza e Difesa

Contratti dipendenti pubblici in dirittura di arrivo. Ma ci sono ancora difficoltà. Sorrentino ( Fp Cgil). Il governo mantenga gli impegni per l’aumento di 85 euro medi mensili per il 2016-2018. “Preoccupazioni” per il rinnovo del comparto Sicurezza e Difesa

L’ultimo chilometro , nelle gare sportive, ciclismo e podismo in particolare, per non parlare di sci, visto che siamo in periodo invernale e che azzurri e azzurre, in vista delle Olimpiadi, fanno ben sperare con vittorie e piazzamenti, la tripletta dei giorni scorsi, è sempre il più difficile per arrivare alla vittoria. Così avviene anche per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego. Solo uno, quello che riguarda gli statali in senso stretto (ministeriali, dipendenti delle agenzie fiscali e del parastato) è andato in porto . Ma alcuni giornali, quelli che schierati con il governo, hanno subito trillato, dimenticando che si trattava solo di una parte, circa 350 mila lavoratori pubblici a fronte dei tre milioni e passa che erano arrivati al traguardo dopo quasi nove anni di assenza contrattuale, non senza difficoltà. Ora sono in dirittura di arrivo, ma il percorso non è in discesa, tutt’altro, quelli che riguardano i lavoratori della conoscenza settore scuola e università, i 530 mila dipendenti del settore sanità per i quali il tavolo di confronto è in corso, domani mercoledì si tratta per i 450 mila dipendenti degli enti locali e 500 mila addetti del comparto sicurezza e difesa. Al tavolo con l’Aran, l’agenzia c he tratta per conto del governo le Cgil, Cisl, Uil nazionali e le categorie della funzione pubblica e dei lavoratori della polizia, per la Cgil il Silp.

Serena Sorrentino, segretaria generale della Funzione Pubblica Cgil fa il punto della situazione. “Il nostro auspicio – afferma – è che si arrivi presto ai rinnovi della sanità e delle funzioni locali, e che si procede celermente anche per quello dell’istruzione e della ricerca, chiudendo così il ciclo di tutti i contratti pubblici”. Ribadisce che “l’accordo del 30 novembre 2016 il protocollo d’intesa con il governo è stato sottoscritto anche dalle amministrazioni locali: dal punto di vista del trattamento economico, la nostra rivendicazione parte dalla conferma degli impegni di quell’accordo. Occorre, dunque, garantire aumenti non inferiori agli 85 euro medi mensili per la reggenza 2016-2018”.Per quanto riguarda in particolare la sanità, Sorrentino sottolinea la necessità di agire in direzione di “una riorganizzazione dei fondi per la contrattazione decentrata, e di un suo contestuale sviluppo dinamico” l’urgenza “della ristrutturazione delle indennità, della revisione del sistema degli incarichi e soprattutto, punto essenziale per la Cgil, la previsione di mantenere la non derogabilità sull’orario di lavoro”.

“ Preoccupazione “ viene espressa dai sindacati per il rinnovo del comparto sicurezza e difesa a causa “ dei ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria”. Nell’ultimo incontro, che si è tenuto venerdì 12 gennaio, “la parte pubblica – spiegano Fp e Silp Cgil – si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulle risorse a disposizione”. Le categorie sindacali hanno però “accolto con favore la proposta di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e accessoria e su parte normativa”, salutando con soddisfazione anche la decisione che “le risorse da destinare con successivo Dpcm siano oggetto di discussione sulla loro destinazione da parte del tavolo contrattuale”. Preoccupazione, invece, esprimono Fp e Silp sulla “persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 euro medi mensili lordi”.

 

Share