F1. Gp Malesia. Vince Verstappen su Red Bull, che precede Hamilton e Ricciardo. Quarto Vettel, che ora è a -34 da Hamilton

F1. Gp Malesia. Vince Verstappen su Red Bull, che precede Hamilton e Ricciardo. Quarto Vettel, che ora è a -34 da Hamilton

Max Verstappen della Red Bull si aggiudica il Gran Premio della Malesia di Formula 1 mentre Lewis Hamilton della Mercedes, arrivato secondo, aumenta il suo vantaggio in testa alla classifica con 34 punti su Sebastian Vettel della Ferrari. Vettel ha iniziato dal fondo della griglia di partenza, dopo che problemi al motore hanno rovinato la qualificazione e il compagno di squadra, Kimi Raikkonen che sarebbe dovuto partire in prima fila, a 10 minuti dal giro di ricognizione ha avuto problemi al motore e non ha più partecipato.

Verstappen: “gara molto dura, ma fantastico vincere”

“Fin dall’inizio la macchina mi ha dato buone sensazioni. E’ stata una gara molto dura ma è fantastico vincere. E’ stato incredibile”. Max Verstappen esprime tutta la propria felicità sul podio di Sepang dopo aver trionfato nel Gran Premio della Malesia. “Ho cercato di sfruttare le batterie al massimo, ci ho provato alla prima curva, lui aveva di più da perdere – ha proseguito l’olandese parlando del sorpasso effettuato su Hamilton – I problemi al collo? Sono stanco, avevo bisogno di un po’ di riposo verso la fine della gara”, ha ammesso il pilota della Red Bull. “Dopo la stagione che ho vissuto questa vittoria è arrivata proprio nel momento più bello”, ha concluso Verstappen.

Hamilton: “spingere ancora per continuare su questi risultati”

“E’ stata una gara davvero dura, la Red Bull aveva un vantaggio di passo rispetto a noi. E’ il circuito più difficile di quelli costruiti in un secondo momento, è davvero bello far bene qui”. Lo ha detto Lewis Hamilton sul podio di Sepang dopo il secondo posto conquistato nel Gran Premio di Malesia. “Divario aumentato su Vettel? E’ una bella sensazione soprattutto perché non avevamo il passo nella macchina questo weekend – ha aggiunto – Dobbiamo lavorare tanto e spingere ancora per continuare su questi risultati”. Il britannico infine si è congratulato con Verstappen. “Complimenti, ha fatto un lavoro fantastico”, ha concluso.

Vettel: “contento, ma sarebbe stato meglio il podio”

”Tutto sommato sono contento del risultato, ma sarebbe stato meglio finire sul podio”. Sebastian Vettel sintetizza così la sua super rimonta dall’ultimo al qarto posto nel Gran Premio della Malesia. ”Alla fine ho avuto una mezza opportunità per superare Ricciardo – aggiunge il tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky – La velocità della vettura è stata molto positiva, peccato che Kimi (Raikkonen, ndr) non abbia potuto correre”. Problemi di affidabilità? ”E’ la prima volta che abbiamo dei problemi – conclude Vettel – di solito va bene ed è dura accettarlo”.

Raikkonen non si spiega il motivo del ritiro, per noie meccaniche: “deludente quel che è accaduto oggi”

“Non sappiamo cosa sia successo oggi, è troppo presto per dirlo. La macchina ha funzionato perfettamente tutto il fine settimana e improvvisamente, dal nulla, abbiamo avuto un problema. E’ una di quelle cose che purtroppo accadono”. E’ il commento quasi incredulo del finlandese della Ferrari, Kimi Raikkonen, per il problema che lo ha costretto a non prendere parte al Gp della Malesia. “La macchina andava bene ed eravamo veloci, ma purtroppo ieri Seb ha avuto un problema e noi oggi abbiamo avuto il nostro. Sono abbastanza sicuro che oggi avrei avuto una vettura molto buona, ma ovviamente non si può mai sapere come sarebbe andata ed è inutile provare a indovinare. Abbiamo un buon pacchetto, ma dobbiamo sfruttarlo al meglio”, ha aggiunto Raikkonen. “Quello che è accaduto oggi è molto deludente e fa male a tutti noi, ma non c’è niente che possiamo fare per cambiare le cose in questo momento. La prossima gara sarà una nuova sfida, la affronteremo come ogni fine settimana di gara, e poi vedremo dove siamo”, ha concluso il pilota della ‘rossa’.

Arrivabene, team principal Ferrari: “problemi da analizzare, che hanno impedito a Vettel di qualificarsi e a Raikkonen di partire”

“Per tutto il weekend – spiega il team principal del Cavallino Maurizio Arrivabene – la nostra macchina ha mostrato di avere un passo estremamente competitivo. Lo evidenziano i risultati delle libere, la prima fila in qualifica di Kimi e la straordinaria rimonta di Seb in gara, dall’ultima alla quarta posizione. Con tutto questo, il GP della Malesia – sottolinea Arrivabene – è stato il più difficile dell’anno: abbiamo avuto a che fare con problemi che andranno analizzati a fondo e che hanno impedito a Sebastian di qualificarsi e a Kimi addirittura di partire. La squadra ha lavorato senza mai perdere la concentrazione, con uno sforzo eccezionale al box e una strategia impeccabile in gara. Un motivo in più per crederci: abbiamo le vetture, gli uomini, i piloti, i mezzi e lo spirito per lottare fino in fondo”. In gara, Vettel è partito bene e si è fatto strada a suon di sorpassi fino alla quinta posizione, pur con le gomme più dure (Soft), entrando ai box a metà corsa per passare alle Supersoft con le quali ha inanellato una sequenza di giri veloci ed è arrivato a insidiare la terza posizione di Ricciardo. Rallentato da un doppiato, si è poi limitato a controllare il vantaggio su Bottas, mettendo in tasca 12 punti che all’inizio sembravano un obiettivo impossibile.

L’ordine d’arrivo del Gran Premio di Malesia, quindicesimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno.

1. Max Verstappen (Ola) Red Bull-TAG Heuer 1:30:01.290; 2. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes +00:12.770; 3. Daniel Ricciardo (Aus) Red Bull-TAG Heuer 00:22.519; 4. Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 00:37.362; 5. Valtteri Bottas (Fin) Mercedes 00:56.021; 6. Sergio Perez (Mes) Force India-Mercedes 01:18.630; 7. Stoffel Vandoorne (Bel) McLaren 1 giro; 8. Lance Stroll (Can) Williams-Mercedes 1 giro; 9. Felipe Massa (Bra) Williams-Mercedes 1 giro; 10. Esteban Ocon (Fra) Force India – Mercedes 1 giro; 11. Fernando Alonso (Spa) McLaren 1 giro; 12. Kevin Magnussen (Dan) Haas-Ferrari 1 giro; 13. Romain Grosjean (Fra) Haas – Ferrari 1 giro; 14. Pierre Gasly (Fra) Toro Rosso – Renault 1 giro; 15. Jolyon Palmer (Gbr) Renault 1 giro; 16. Nico Huelkenberg (Ger) Renault 1 giro; 17. Pascal Wehrlein (Ger) Sauber-Ferrari 1 giro; 18. Marcus Ericsson (Sve) Sauber-Ferrari 2 giri; Ritiri: Carlos Sainz Jr (Spa) Toro Rosso-Renault, Kimi Raikkonen (Fin) Ferrari.

Le classifiche del mondiale di Formula 1 dopo il Gran Premio della Malesia, quindicesima gara stagionale.

Piloti: 1. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes 281; 2. Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 247; 3. Valtteri Bottas (Fin) Mercedes 222; 4. Daniel Ricciardo (Aus) Red Bull 177; 5. Kimi Raikkonen (Fin) Ferrari 138 6. Max Verstappen (Ola) Red Bull 93; 7. Sergio Perez (Mes) Force India 76; 8. Esteban Ocon (Fra) Force India 57; 9. Carlos Sainz Jr (Spa) Toro Rosso 48; 10. Nico Huelkenberg (Ger) Renault 34; 11. Felipe Massa (Bra) Williams 33; 12. Lance Stroll (Can) Williams 32; 13. Romain Grosjean (Fra) Haas 26 14. Stoffel Vandoorne (Bel) McLaren 13; 15. Kevin Magnussen (Dan) Haas 11; 16. Fernando Alonso (Spa) McLaren 10; 17. Jolyon Palmer (Gbr) Renault 8; 18. Pascal Wehrlein (Ger) Sauber 5; 19. Daniil Kvyat (Rus) Toro Rosso 4; 20. Marcus Ericsson (Sve) Sauber 0; 21. Antonio Giovinazzi (Ita) Sauber 0; 22. Pierre Gasly (Fra) Toro Rosso 0.

Costruttori: 1. Mercedes 503; 2. Ferrari 385; 3. Red Bull-TAG Heuer 270; 4. Force India-Mercedes 133; 5. Williams-Mercedes 65; 6. Toro Rosso-Renault 52; 7. Renault 42; 8. Haas-Ferrari 37; 9. McLaren 23 10. Sauber-Ferrari 5.

Share