La grande fuga dalla Libia. In migliaia verso la Sicilia. E’ emergenza

La grande fuga dalla Libia. In migliaia verso la Sicilia. E’ emergenza
Complici le condizioni meteo-marine, che consentono il rilascio dalla Libia e dagli altri paesi rivieraschi che si affacciano sulla Sicilia, di centinaia di migranti, anche queste 48-72 ore, saranno da registrare come giorni da record per i tentativi di arrivare. Prosegue senza sosta l’esodo di migranti dalla Libia verso l’Italia: nella sola giornata di ieri, al largo delle coste libiche, ne sono stati salvati oltre 5.000, mentre sono complessivamente 8.500 quelli che si trovano a bordo delle navi dei soccorritori che stanno ora facendo rotta ora verso porti italiani. I cinquemila soccorsi ieri navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni, raggiunti da unità della Guardia Costiera e di organizzazioni non governative e, inoltre, da alcuni rimorchiatori “dirottati” per i soccorsi. Gli 8.500 migranti, soccorsi negli ultimi due giorni, sono a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria; le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane. 
Continuano gli sbarchi in Sicilia dove oggi è previsto che arrivino, in quattro porti, complessivamente, 2.786 migranti, recuperati in 21 interventi di soccorso. Sul vascello della marina militare irlandese ‘Lé Eithne’ ad Augusta (Siracusa) si trovano 712 persone soccorse in sei operazioni di salvataggio nel Mediterraneo. A Messina arriva nave Phoenix dell’ong Moas che ha a bordo 423 extracomunitari, recuperati durante tre operazioni di salvataggio. A Palermo sbarcheranno dalla ‘Vos Prudence’ di Medici senza frontiere 861 migranti, salvati in otto operazioni di soccorso. A Catania sta per approdare nave ‘U. Diciotti’ della guardia costiera che ha recuperato 790 persone in quattro soccorsi in mare.