F1. GP di Baku in Azerbaigian. Vince Ricciardo, secondo Bottas, poi Lance Stroll, al primo podio in carriera. Guerra sulla pista tra Vettel e Hamilton

F1. GP di Baku in Azerbaigian. Vince Ricciardo, secondo Bottas, poi Lance Stroll, al primo podio in carriera. Guerra sulla pista tra Vettel e Hamilton

Daniel Ricciardo su Red Bull ha vinto il Gran Premio di Azerbaigian, a Baku. Seconda la Mercedes di Valtteri Bottas davanti alla Williams di Lance Stroll. Quarto Sebastian Vettel su Ferrari, quinto Lewis Hamilton sull’altra Mercedes. Ritirato Kimi Raikkonen sull’altra Ferrari. Gara ricca di incidenti e colpi di scena decisa dall’episodio che ha visto coinvolti Hamilton e Vettel al 19° giro in regime di safety car. I due piloti rispettivamente primo e secondo dietro alla vettura di sicurezza si tamponano perché l’inglese rallenta eccessivamente e subito il tedesco che affianca l’inglese e in segno di protesta gli dà una ruotata. I commissari dopo diversi minuti decidono di infliggere 10 secondi di penalità al ferrarista. A rovinare invece la gara di Hamilton la sbadataggine dei suoi meccanici che durante l’interruzione del Gp dopo 23 giri per levare i detriti dalla pista dopo degli incidenti gli fissano male la protezione dell’abitacolo. Hamilton deve quindi tornare ai box e riparte proprio dietro a Vettel, dove rimarrà fino alla fine.

“La manovra di Hamilton? E’ pericolosa per chi sta dietro. Non si fa così”. E’ questo il commento di Sebastian Vettel ai microfoni di Sky sulla manovra di Lewis Hamilton in regime di safety car durante il Gp di Azerbaigian. “Hamilton ha cercato di stare vicino alla safety car e ha frenato un paio di volte. Il problema è che non si fa così perchè è pericoloso per chi sta dietro. Lui ha danneggiato la mia ala e io il suo fondo”, ha aggiunto il tedesco della Ferrari. “La mia penalità? E’ deludente, non so perchè l’hanno data a me e a lui no”, ha replicato Vettel. Parlando della gara, il tedesco ha detto: “Credo che la macchina era molto buona e il passo gara forte. E’ stata una gara nella gara, con una partenza molto impegnativa e un Bottas molto aggressivo. Poi non so cosa è successo con Raikkonen”.

“Siamo in Formula 1 o al Colosseo? Se è così basta dirlo”. Con una battuta Maurizio Arrivabene, team principal della Ferrari, commenta il contatto fra Hamilton e Vettel durante il Gran Premio di Azerbaigian. “Criticare troppo può sembrare inelegante, ma nel dubbio mi sembra che non si dia ragione alla Ferrari”, ha aggiunto ai microfoni di Sky. “Ci siamo battuti e purtroppo i fatti non ci hanno dato ragione. In Austria ci proveremo più determinati di prima, ci sono ancora 12 gare. Noi parliamo poco e lavoriamo molto. Siamo una squadra che non molla mai, ammesso che si parli di sport”, ha concluso.

”Non riesco a credere di aver vinto partendo dalla decima posizione, è stata davvero una gara e una partenza pazza”. Daniel Ricciardo stenta a realizzare di essere davvero sul primo gradino del podio dopo il Gran Premio dell’Azerbaigian. ”All’inizio – aggiunge il pilota australiano della Red Bull – sono finito addirittura in diciassettesima posizione e non pensavo davvero di poter vincere. Ieri ero deluso e oggi ho pensato che dovevo stare fuori dai guai e questo alla fine ha pagato”.

Ordine d’arrivo del Gran Premio dell’Azerbaigian sul circuito cittadino di Baku

1 Daniel Ricciardo (Aus/Red Bull) 2h03’55”573 2 Valtteri Bottas (Fin/Mercedes) a 3”904 3 Lance Stroll (Can/Williams) 4”009 4 Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) 5”976 5 Lewis Hamilton (Ing/Mercedes) 6”188 6 Esteban Ocon (Fra/Force India) 30”298 7 Kevin Magnussen (Dan/Haas) 41”753 8 Carlos Sainz (Spa/Toro Rosso) 49”400 9 Fernando Alonso (Spa/McLaren) 59”551 10 Pascal Wehrlein (Ger/Sauber) 1’29”093 11 Marcus Ericsson (Sve/Sauber) 1’31”794 12 Stoffel Vandoorne (Bel/McLaren) 1’32”160 13 Romain Grosjean (Fra/Haas) 1 giro 14 Kimi Raikkonen (Fin/Ferrari) ritirato – Sergio Perez (Mes/Force India) ritirato – Felipe Massa (Bra/Williams) ritirato – Nico Hulkenberg (Ger/Renault) incidente – Max Verstappen (Ola/Red Bull) ritirato – Daniil Kvyat (Rus/Toro Rosso) ritirato – Jolyon Palmer (Ing/Renault) ritirato

Mondiale piloti 1

1 Sebastian Vettel 153 punti 2 Lewis Hamilton 139 3 Valtteri Bottas 111 4 Daniel Ricciardo 92 5 Kimi Raikkonen 73 6 Max Verstappen 45 7 Sergio Perez 44 8 Esteban Ocon 35 9 Carlos Sainz 29 10 Felipe Massa 20 11 Nico Hulkenberg 18 12 Lance Stroll 17 13 Kevin Magnussen 11 14 Romain Grosjean 10 15 Pascal Wehrlein 5 16Daniil Kvyat 4 17 Fernando Alonso 2 Mondiale costruttori: 1 Mercedes 250 punti 2 Ferrari 226 3 Red Bull/Renault 137 4 Force India/Mercedes 79 5 Williams/Mercedes 37 6 Toro Rosso/Renault 33 7 Haas/Ferrari 21 8 Renault 18 9 Sauber/Ferrari 5 10 McLaren/Honda 2