Per la Raggi ancora una contestazione. In Campidoglio le educatrici degli asili nido convenzionati che rischiano di perdere il lavoro per una sua delibera

Per la Raggi ancora una contestazione. In Campidoglio le educatrici degli asili nido convenzionati che rischiano di perdere il lavoro per una sua delibera

Mentre la sindaca Raggi era presente alla kermesse del M5S di Ivrea, in Campidoglio manifestazione di protesta delle educatrici e degli educatori degli asili nido convenzionati, che dopo un breve corteo hanno raggiunto il Comune per protestare contro la delibera dell’amministrazione targata 5 Stelle e che ha definito, seppur con delle deroghe, una priorità al momento dell’iscrizione per le strutture a gestione diretta del Comune di Roma. “Il nostro lavoro non è di serie B” e “Vergogna, vergogna”, sono stati alcuni degli slogan urlati sulla piazza del Campidoglio. Tanti i cartelli ed alcuni di questi recitavano: “Nidi convenzionati, la qualità che fa paura al Comune di Roma”, “Libertà di scelta educativa”. “Questa delibera smantella il sistema dei nidi convenzionati e in concessione – ha spiegato Federica Cozzi di Onda gialla – Bisognava equiparare il sistema pubblico a quello integrato e invece questa delibera favorisce il privato di basso livello, perchè le tariffe imposte dal comune e a cui i nidi convenzionati e in concessione si adeguano sono diventate molto alte e le famiglie, complice la crisi, finiscono per scegliere il privato di bassa qualità”.

In piazza del Campidoglio in centinaia con gli slogan: “Il nostro lavoro non è di serie b e buffoni, buffoni”

Poi una volta raggiunta la piazza, a poca distanza dalla statua del Marc’aurelio, la manifestazione si è surriscaldata, pur restando nei limiti della civile protesta e sono partiti slogan all’indirizzo dell’entrata di Palazzo Senatorio come:  “Libertà, libertà” e “Buffoni, buffoni”. Insieme alle educatrici tante famiglie con bambini che hanno portato la loro solidarietà ai manifestanti. Le testimonianze raccolte nella piazza vanno in una sola direzione: “Sono alcune delle tante famiglie a cui in questi anni abbiamo dato una risposta. Questo sistema è stato voluto dal Comune di Roma negli anni Duemila e da allora, oltre agli investimenti fatti, abbiamo dato un’offerta alle famiglie dove il Comune da solo non era in grado”. Il rischio, secondo i gestori di tali strutture, è che “i nidi convenzionati o in concessione possano chiudere e che le educatrici, tutte qualificate e inquadrate a tempo indeterminato, siano licenziate. Oggi quindi siamo qui per scongiurare questo ma anche per difendere la libertà di scelta delle famiglie”, conclude Federica di Onda gialla. Alla manifestazione erano presenti numerosi consiglieri capitolini dell’opposizione. Tra gli altri, Valeria Baglio, Orlando Corsetti e Giulia Tempesta per il Pd, Fabrizio Ghera, Andrea De Priamo, Francesco Figliomeni e Maurizio Politi, per Fdi An, Alessandro Onorato per la Lista Marchini.

Fassina (Sinistra X Roma): “I nidi convenzionati non possono essere abbandonati. Stabilizzare le operatrici precarie”

Poi le prese di posizione delle forze politiche che hanno voluto dire la loro su questa difficile vertenza, tra queste quella di Stefano Fassina, consigliere di Sinistra X Roma: “I nidi convenzionati non possono essere abbandonati. Valorizzare, giustamente, questi servizi comunali e arrivare finalmente alla stabilizzazione delle operatrici precarie, non implica soffocare i nidi convenzionati e il licenziamento di un migliaio di operatrici. I nidi convenzionati possono svolgere una funzione complementare e il ribilanciamento del servizio deve comunque essere graduale per evitare di colpire bambini, famiglie e operatrici. Chiediamo all’assessora Baldassarri di convocare al più presto le rappresentanze delle famiglie, delle strutture e delle lavoratrici per trovare una soluzione sostenibile. Così, non va”. Così in una nota Stefano Fassina, consigliere di Sinistra per Roma.

Tempesta (Pd): “In Campidoglio maestre e famiglie, mentre la Raggi è ad Ivrea”

“In Campidoglio con le famiglie e le maestre dei #nidi in convenzione…. mentre #Raggi è a #Ivrea per kermesse del #M5S”. Lo scrive su Twitter Giulia Tempesta consigliera del Partito Democratico di Roma Capitale nel corso della manifestazione in Piazza del Campidoglio a cui hanno preso parte alcuni esponenti dem romani tra cui Valeria Baglio, Fabio Bellini, Orlando Corsetti.

Celli (RomatornaRoma): “La delibera mina nel profondo il sistema integrato dei nidi”

“La delibera di Giunta con i nuovi criteri di iscrizione mina nel profondo il sistema integrato dei Nidi di Roma, che manteneva il suo alto standard di qualità grazie all’equilibrio tra pubblico e nidi convenzionati”. Cosi in una nota Svetlana Celli, capogruppo in Campidoglio della Lista Civica #RomaTornaRoma: “Togliere la libertà di scelta danneggerà questo equilibrio e le famiglie. Sono a fianco dei genitori e delle operatrici in piazza oggi per difendere il diritto alla qualità dei servizi all’infanzia di tutti i bambini di Roma”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.