Lazio poco generoso con i minori. Il Rapporto Save The Children è una articolata denuncia sull’assenza di pari opportunità

Lazio poco generoso con i minori. Il Rapporto Save The Children è una articolata denuncia sull’assenza di pari opportunità
E’ letteralmente devastante il rapporto diffuso da Save The Children, sulle condizioni di vita dei minori nel Lazio. Una pagina decisamente amara per la regione, che perde una battaglia sui diritti fondamentale. Ma leggiamo quanto dice l’organizzazione che tutela l’infanzia.
 
Due minori e adolescenti su dieci (148mila) vivono in condizioni di povertà relativa
 
“Quasi 2 minori su 10 nel Lazio, per un totale di 148.000 bambini e adolescenti, vivono in condizioni di povertà relativa, una percentuale di poco inferiore alla media nazionale che si attesta al 20,2%, mentre la povertà assoluta nel Paese riguarda oltre 1,1 milioni di minori ed è quasi triplicata negli ultimi 10 anni (passando dal 3,9% della popolazione di riferimento nel 2005 al 10,9% nel 2015). Il numero di ragazzi che abbandonano precocemente gli studi a livello nazionale si è più che dimezzato negli ultimi 23 anni (passando dal 38% del 1992 al 15% del 2015): tra le regioni italiane, il Lazio eguaglia in positivo la media dei paesi dell’Unione Europea (11%), mentre l’Italia, nel suo insieme, si posiziona al quartultimo posto nella classifica dei paesi per early school leavers, seguito soltanto da Romania (19%), Spagna e Malta (a pari merito con il 20%).
Nonostante in Italia la percentuale di ragazzi che non raggiungono le competenze minime in matematica sia scesa di ben 10 punti percentuali, passando dal 33% del 2006 al 23% del 2015, il trend positivo si è arrestato negli ultimi 6 anni (paesi come Cina, Russia e Vietnam presentano percentuali molto più basse dell’Italia, comprese tra il 16% e il 19%).
 
Oltre il 55% dei ragazzi non partecipano ad attività culturali e ricreative
 
Il numero dei ragazzi che nel Lazio non partecipano ad attività culturali, ricreative[1] è pari al 55%, con un vantaggio rispetto alla media nazionale, attestata al 60% (migliorata di 5 punti rispetto al 2013 quando era il 65%)”. Lo comunica, in una nota, Save The Children.
“Bambini e ragazzi privati spesso, anche nel Lazio, della possibilità di apprendere e sviluppare i propri talenti, capacità e aspirazioni, cui vengono negate opportunità fondamentali per la loro crescita: quasi più la metà degli alunni abruzzesi (45%) non usufruisce della mensa scolastica (48% in Italia), solo il 16% dei bambini può ad andare al nido (13% la media nazionale), il 52% non trova il tempo pieno quando entra nella scuola primaria (65% in Italia) e va molto peggio in quella secondaria di primo grado dov’è praticamente assente (93%, 7 punti in più della media nazionale che si ferma all’85%). Ma andiamo avanti sui contenuti del Rapporto “Futuro in partenza? L’impatto delle povertà educative sull’infanzia in Italia”, presentato da Save the Children in occasione del rilancio della campagna per il contrasto alla povertà educativa “Illuminiamo il Futuro”.
 
Ritardi importanti soprattutto al sud, ma non sono immuni il centro ed il nord della penisola
 
Dal rapporto emerge un quadro dell’Italia, compreso il Lazio, che dopo anni stenta a far decollare il futuro dei propri ragazzi e che, nonostante alcuni miglioramenti negli ultimi anni, risulta ancora lontana dal resto dell’Europa e in cui le maggiori privazioni educative per i minori si registrano soprattutto al Sud, con ritardi importanti che non risparmiano tuttavia le regioni del Centro e del Nord. Sono soprattutto i minori che provengono dalle famiglie svantaggiate dal punto di vista socio-economico a subire le più gravi conseguenze della povertà educativa e si tratta di un fenomeno in forte crescita, in considerazione che anche la percentuale di minori che vivono in povertà relativa in Italia – più di 2 milioni di bambini e adolescenti – è quasi raddoppiata dal 2005, passando dal 12,6% della popolazione di riferimento al 20,2% nel 2015 e in particolare ha subito un’impennata di quasi 8 punti percentuali dal 2011 al 2015[2]. Nel Lazio questa percentuale supera il 17% e riguarda 148.000 bambini”.
 
Valerio Neri (dg di Save The Children): “L’Italia è un Paese in cui non sono le pari opportunità a determinare i percorsi, ma lo svantaggio ereditato dalle famiglie”
 
“Il nostro è un Paese in cui non sono le pari opportunità a determinare i percorsi educativi e di vita dei ragazzi, ma lo svantaggio ereditato dalle famiglie. La povertà economica ed educativa dei genitori viene trasmessa ai figli, che a loro volta, da adulti, potrebbero essere a rischio povertà ed esclusione sociale. È un circolo vizioso che coinvolge e compromette il futuro di oltre un milione di bambini e che va immediatamente spezzato”, afferma Valerio Neri, Direttore generale di Save the Children, l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo e a promuovere i loro diritti. “Serve un impegno urgente e concreto da parte delle istituzioni a livello nazionale e in ogni regione, come nel Lazio: non è accettabile che vi siano bambini costretti a vivere gravi deprivazioni materiali ed educative, che non solo non hanno la possibilità di costruirsi un domani, ma che non possono neanche sognarlo. Dobbiamo dare ad ogni bambino la possibilità di far decollare le proprie aspirazioni e i propri sogni”.
“Dal 3 al 9 aprile Save the Children rilancia la campagna ‘Illuminiamo il futuro’ per il contrasto alla povertà educativa, ormai giunta al suo quarto anno – prosegue il comunicato – Una settimana di mobilitazione, con quasi 100 eventi e iniziative solo nel Lazio (oltre 650 in tutta Italia), in cui saranno coinvolte associazioni, enti, scuole, realtà locali e istituzioni culturali che hanno scelto di essere al fianco dell’Organizzazione per sensibilizzare e informare sull’importanza delle opportunità educative per la crescita dei più piccoli.
 
Tutti gli eventi che nei prossimi giorni saranno una proiezione verso l’esterno della campagna ‘Illuminiamo il futuro’
 
Tra le tantissime iniziative a Roma il laboratorio sulla fotografa di Letizia Battaglia con i minori migranti al MAXXI il 5 aprile, l’evento “A model to dream” il 4 aprile al Campo dei Miracoli di Corviale con la proiezione del film “Il più grande sogno”, cui seguirà il dibattito con i protagonisti, Mirko Frezza e il regista Michele Vannucci, e l’evento nazionale dei 250 ragazzi di UndeRadio e Sottosopra di Save the Children alla Scuola Bassi di Tor Bella Monaca il 7 aprile, con laboratori creativi, artistici e manuali sulla “scuola ideale” e azioni concrete di riqualificazione dell’edificio scolastico. In occasione di questa nuova edizione di “Illuminiamo il futuro”, Save the Children lancia una petizione – disponibile sul sito www.illuminiamoilfuturo.it – per chiedere al Governo e al Parlamento di sbloccare, prima della scadenza della legislatura, alcuni provvedimenti fondamentali che garantiscano a tutti i bambini l’accesso all’asilo nido e a un sistema di mense scolastiche uguale per tutti e l’attuazione immediata del piano di contrasto alla povertà varato di recente dal Parlamento, segnando così l’inizio di un intervento strutturale ad ampio raggio per combattere la povertà minorile in tutte le sue forme. Nell’ambito del suo intervento per contrastare la povertà educativa, inoltre, l’Organizzazione inaugura il 3 aprile, in collaborazione con la Regione Calabria, un nuovo Punto Luce a San Luca, in provincia di Reggio Calabria, che va ad aggiungersi ai 20 spazi ad alta densità educativa già attivati in 12 regioni, compreso il Lazio, per offrire opportunità ai bambini e alle loro famiglie che vivono in aree svantaggiate. Il Punto Luce di San Luca si inserisce all’interno di un intervento più ampio di Save the Children nella Locride che mette in connessione tra loro più comuni limitrofi, dando così vita a una più vasta area ad alta densità educativa, la prima di questo tipo realizzata da Save the Children sul territorio nazionale. Nel Punto Luce di San Luca e negli spazi predisposti in due scuole nei vicini comuni di Platì e Brancaleone, bambini e ragazzi potranno infatti partecipare gratuitamente ad attività di accompagnamento allo studio e invito alla lettura, laboratori artistici e musicali, sport, educazione all’uso sicuro di internet e a una corretta alimentazione, mentre per i loro genitori sono previste consulenze legali, psicologiche, pediatriche e di educazione alla genitorialità. I Punti Luce di Roma a Ponte di Nona, nato nel 2014, e a Torre Maura, nato nel 2015, hanno già accolto più di 2.400 bambini (con più di 1.130 iscritti regolari) e coinvolto centinaia di genitori”.
“Il nuovo Punto Luce a S.Luca, come quelli ormai rodati di Torre Maura e Ponte di Nona a Roma e insieme agli altri 18 in tutta Italia, offrirà ai bambini e agli adolescenti l’opportunità di scegliere e costruirsi il proprio futuro, riscoprendo i propri talenti e capacità e coltivando liberamente le proprie passioni e i propri sogni”, spiega Raffaela Milano, Direttore dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.
 
Condividi

Leave a Reply

Your email address will not be published.