L’ombra della Cina sulla tempesta perfetta (2)

L’ombra della Cina sulla tempesta perfetta (2)

I lettori di questa nuova rubrica sulla più grave crisi finanziaria dalla fine del secondo conflitto mondiale avranno notato che alcuni degli argomenti toccati in queste settimane richiedono più di una puntata del diario della crisi finanziaria, anche se voglio rassicurarli sul fatto che non si tratta di una sorta di accanimento terapeutico, quanto del fatto che si tratta spesso di vicende alquanto oscure e che squarci di luce appaiono qui e là in tempi non prevedibili da chi tiene faticosamente il giornale di bordo della tempesta perfetta.

Uno di questi casi è certamente rappresentato da quella Cina che continua orgogliosamente a chiamarsi Repubblica Popolare Cinese anche se sono anni che è entrata non solo nel sistema capitalistico ma ha anche una forte propensione alla creazione di bolle speculative, delle quali quella del credito è soltanto la più appariscente, una bolla
gigantesca che è strettamente collegata a quella dell’ormai vasto mercato azionario cinese, un mercato che rischia di avere assonanze con quello imperiale britannico dell’800 con le ormai famose, se non famigerate azioni che rappresentavano fantomatiche miniere sparse un po’ ovunque nel mondo!

Ebbene, nell’un tempo Celeste impero, è stato arrestato il capo dell’ufficio statale di statistiche, quello famoso per essere stato sbugiardato sul dato del prodotto lordo interno cinese da un connazionale riparato negli Stati Uniti d’America, ed è di oggi la notizia che il capo dell’organismo di vigilanza sulle borse cinesi, l’equivalente della nostra Consob, è stato giubilato, per sua fortuna a piede libero, ed è stato sostituito dal presidente dell’Agricultural Bank, una persona che dire che è in conflitto di interessi equivale a fargli un complimento.

Ma la notizia più importante la fornisce l’Economist in un lungo servizio sui rischi che sta correndo l’economia cinese in questo momento e quello più rilevante è rappresentato dal debito complessivo che è pari al 282 per cento del prodotto interno lordo cinese, una cifra che è data dal debito sovrano che supera di poco il cinquanta per cento del PIL, mentre quello che è riferibile a famiglie e società è pari al 232 per cento del PIL.

Sono cifre da far tremare i polsi e che, secondo l’autorevole settimanale economico inglese, potrebbero portare ad una stretta creditizia che porterebbe la prima locomotiva del mondo dritto dritto alla recessione, con contagio pressoché immediato alle economie degli altri paesi industrializzati!

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.