Italcementi, c’è l’intesa su cigs e riorganizzazione

Italcementi, c’è l’intesa su cigs e riorganizzazione

È stato sottoscritto l’accordo, presso il Ministero del Lavoro, con il gruppo Italcementi sul ricorso alla CIGS per riorganizzazione per 20 mesi dal 1 Febbraio 2016 fino al 23 settembre 2017 per un totale di 430 lavoratori e si è sottoscritto un ulteriore accordo sulla cessata attività dei siti di Scafa e Monselice per 108 lavoratori. A darne notizia, in una nota, i segretari di Fillea, Filca e Feneal, Meschieri, Gentile e Pascucci. Il ricorso alla Cigs per riorganizzazione, con rotazione sui profili professionali fungibili,  riguarda 250 lavoratori della sede, 25 della sede commerciale di Milano, 10 per lo stabilimento di Calusco d’Adda, 5 per lo stabilimento di Rezzato, 10 per lo stabilimento di Colleferro, 5 per lo stabilimento di Matera, 26 Sarche , 37 per lo stabilimento di Salerno, 42 per quello di Castrovillari , 10 per quello di  Satmazai e 10 per quello di Isola delle Femmine. Si è definito anche un accordo che prevede la protezione sociale dei lavoratori con delle misure di sostegno al reddito implementandole rispetto all’impostazione dell’attuale piano sociale in essere. Le parti hanno sottoscritto congiuntamente un impegno a richiedere al governo, quando sarà  insediata l’apposita commissione, l’applicazione dell’art. 42 della legge n. 148 / 2015 per il ricorso agli ammortizzatori sociali per gli anni 2017 e 2018. L’accordo conclude una fase di dialettica sindacale molto elevata che ha impedito all’azienda di dichiarare la cessata attività produttiva nei siti di Sarche, Castrovillari e Salerno facendole rientrare nel perimetro complessivo del gruppo e ha ridotto il ricorso alla CIGS dagli annunciati 765 lavoratori dall’azienda agli attuali 430 definiti con il coordinamento delle RSU.  L’accordo inoltre serve per gestire con il minor impatto sociale possibile l’attuale fase di transizione proprietaria che nel gruppo è in atto. A marzo del 2016 le parti si confronteranno per valutare il processo di razionalizzazione delle funzioni del gruppo a partire dalla sede di Bergamo. Nei prossimi giorni si svolgeranno le assemblee nei luoghi di lavoro per confrontarsi con i lavoratori.

Share

Leave a Reply