Il ministro Speranza: vaccino, siglata alleanza con Germania, Francia e Olanda, 400 milioni di dosi in autunno per tutta la Ue. 14 giugno, scendono ricoveri e decessi, da ieri 338 nuovi casi, 72% in Lombardia

Il ministro Speranza: vaccino, siglata alleanza con Germania, Francia e Olanda, 400 milioni di dosi in autunno per tutta la Ue. 14 giugno, scendono ricoveri e decessi, da ieri 338 nuovi casi, 72% in Lombardia

Sul piano europeo, sembra dar frutti l’alleanza per il vaccino presentata nei giorni scorsi: il ministro della Salute Roberto Speranza annuncia che, insieme ai colleghi di Germania, Francia e Olanda, ha sottoscritto un contratto con l’azienda Astrazeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi di vaccino da destinare alla popolazione del Vecchio Continente. Il premier Giuseppe Conte sottolinea che il progetto, basato sulla ricerca dell’università di Oxford, va ancora sviluppato. Ma promette bene. “Insieme ai ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato nei giorni scorsi un’alleanza per il vaccino, abbiamo sottoscritto un contratto con Astrazeneca, un’azienda farmaceutica che ha il vaccino più promettente e avanti nella ricerca e che sarà disponibile con le prime dosi già in autunno nei paesi che stanno firmando il contratto. Questo vuol dire che l’Italia si colloca nel gruppo dei paesi di testa e sottoscrive un’intesa per 400 milioni di dosi che possono coprire tutta l’Ue, lo facciamo con tre grandi paesi importanti e l’impegno ci consentirà di avere una prima tranche di dosi già entro fine anno e assicurarci che i nostri concittadini saranno in primissima linea” ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, informando i ministri e gli ospiti agli Stati Generali a Roma, ricevendo un lungo applauso. “Il coronavirus è un nemico insidioso – ha aggiunto – il vaccino per noi è la soluzione vera al problema, parliamo del candidato vaccino più promettente, non c’è una certezza assoluta naturalmente; nasce nei laboratori dell’Università di Oxford ma nella partita della produzione e distribuzione di questo vaccino anche l’Italia è protagonista con alcune realtà italiane, Pomezia e Anagni. Nella ricerca del vaccino con questa firma l’Italia si mette in testa in un percorso in piena continuità con gli sforzi fatti in questi mesi”.

“L’alleanza di Italia, Germania, Olanda e Francia e il contratto sottoscritto con AstraZeneca è una bellissima notizia per tutti” sottolinea Piero Di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia, che tramite la sua divisione Advent per i vaccini innovativi, ha partecipato fin dall’inizio in collaborazione con la Oxford University allo sviluppo del candidato vaccino al centro dell’accordo firmato oggi. L’azienda “si unisce all’entusiasmo del nostro ministro della Salute, Roberto Speranza, a cui va il più sentito ringraziamento per l’impegno profuso, insieme al presidente Conte ed ai ministri Di Maio e Manfredi, per conseguire questo eccezionale risultato”.

I dati dell’epidemia, 14 giugno

 A oggi il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 236.989, con un incremento rispetto a ieri di 338 nuovi casi. Lo comunica la Protezione civile. Il numero totale di attualmente positivi è di 26.274, con una decrescita di 1.211 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 209 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 11 pazienti rispetto a ieri. 3.594 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 153 pazienti rispetto a ieri. 22.471 persone, pari all’86% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 44 e portano il totale a 34.345. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 176.370 con un incremento di 1.505 persone rispetto a ieri.

La situazione nel mondo. Usa, Brasile e India i Paesi ora più colpiti dalla pandemia

La pandemia di coronavirus ha contagiato 7.808.773 persone in tutto il mondo e ha provocato 430.542 decessi in 188 paesi e territori del mondo, secondo i dati dell’università John Hopkins. Gli Stati Uniti sono il paese più colpito con 2.074.526 di contagi, seguiti da Brasile (850.514), Russia (528.267), India (320.922), Regno Unito (295.828), Spagna (243.605), Italia (236.989), Perù (220.749), Francia (193.746), Iran (187.427), Germania (187.267), Turchia (176.677), Cile (167.355) e Messico (142.690).

Share