CNA Costruzioni: con il convegno Sbloccacantieri si è aperta una pagina importante per l’edilizia romana

CNA Costruzioni: con il convegno Sbloccacantieri si è aperta una pagina importante per l’edilizia romana

Lotti di gara a misura di PMI, programmazione trasparente e avvio del confronto con ANAC e istituzioni locali. Questi i punti trattati nel convegno organizzato da CNA Roma sul decreto sblocca cantieri a cui hanno partecipato Mauro Alessandri, Assessore Lavori Pubblici Regione Lazio, di Margherita Gatta , Assessore Infrastrutture Roma Capitale, Fortunato Picerno Avvocato Ufficio Acquisti Sogesid Spa, Riccardo Roccati, Vice Presidente CNA Costruzioni Nazionale e Lucio Lacerenza , avvocato che ha curato l’introduzione ai lavori.

Si è trattato di un momento molto importante, perché oltre ad essere state illustrate con competenza le modalità applicative e le novità per imprese e stazioni appaltanti, sono state avanzate anche alcune proposte accolte con attenzione dagli ospiti istituzionali. Si è aperto quindi un serio dibattito che va nella direzione di una semplificazione delle normative vigenti. La CNA di Roma riguardo al dibattito sulla creazione di una stazione unica degli appalti, si è detta favorevole sottolineando l’importanza di rivedere le modalità di appalto su tre punti: lavori sotto soglia, ricorso al subappalto, ampiezza dei lotti di gara.

In particolare, la CNA ha ribadito quanto sia importante l’avvio di un dialogo con ANAC, nell’ambito dei poteri di regolazione di mercato, per poter definire le corrette pratiche per l’accesso delle PMI agli appalti, a partire dagli appalti a km. zero.

Inoltre, posto che le stazioni appaltanti debbano programmare su base triennale i lavori pubblici e su base biennale i servizi/forniture, si ritiene necessario informare le PMI sugli appalti programmati sul territorio per stimolare l’imprenditoria locale al fine di creare posti di lavoro, crescita economica e innovazione, tema la cui importanza è stata sottolineata anche dall’Assessore Gatta.

Le stazioni appaltanti devono, infine, porre la massima attenzione alla suddivisione in lotti degli appalti, a misura delle PMI, le quali costituiscono il 99% delle imprese italiane. Alla luce di queste considerazioni, l’Assessore Alessandri si è impegnato a convocare quanto prima un tavolo di confronto con le imprese sulle proposte avanzate.

“È difficile da accettare che ancora oggi la politica nazionale non prenda nella giusta considerazione il fatto che l’immagine di Roma è l’immagine dell’Italia nel mondo e che la nostra Capitale deve, il prima possibile, potersi riappropriare del ruolo che storicamente ha sempre avuto, quello di città unica per le sue bellezze e per il suo patrimonio. Solo se alla nostra città verranno dati i giusti strumenti ed i fondi per far partire nel breve le opere e gli interventi di cui necessita, potremo assistere alla sua rinascita”, ha commentato così Carlo Bellioni, presidente di CNA Costruzioni Roma, a conclusione del convegno.

Share