A spasso i sorveglianti della Reggia di Caserta. Dopo aver timbrato il cartellino al bar o al ristorante

A spasso i sorveglianti della Reggia di Caserta. Dopo aver timbrato il cartellino al bar o al ristorante

Dovevano tenere sotto controllo la Reggia di Caserta. Invece, durante l’orario di lavoro, si assentavano per ore, per mangiare una pizza o svolgere commissioni personali, rendendo il lavoro dei ladri ancora più semplice. É stato proprio durante le indagini per il furto dell’incasso alla buvette della Reggia che la Polizia di Stato li ha scoperti. Due misure cautelari – obbligo di firma prima di entrare in servizio e dopo avere terminato l’orario di lavoro – sono state notificate stamattina dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta, coordinata da Filippo Portoghese, a due dipendenti del Mibact, addetti ai servizi di vigilanza nella Reggia di Caserta.


Due dei mancati vigilanti, secondo quanto emerso dall’attività investigativa, dopo avere timbrato l’ingresso in servizio, lasciavano il posto di lavoro per svolgere commissioni o andare a mangiare una pizza. In alcune occasioni sono anche tornati a casa per poi ripresentarsi, a fine turno, solo per vidimare l’uscita. Tutto è stato certificato dalle microtelecamere che erano state poste a ridosso dei marcatori di badge e che di fatto hanno incastrato i dipendenti disonesti.

Share