Manfred Moelgg e Sofia Goggia, riportano lo sci azzurro in primo piano. Collezionano secondi posti nelle gare di Coppa del Mondo

Manfred Moelgg e Sofia Goggia, riportano lo sci azzurro in primo piano. Collezionano secondi posti nelle gare di Coppa del Mondo

Tutti gli obiettivi sono puntati sul grande calcio, e non tanto sulla ripresa della serie A, perché la Juventus sembra non avere rivali, quanto sul mercato dei giocatori. Cifre da capogiro, milioni come bruscolini. I cinesi la fanno da padroni. Sembra non esserci altro sport al di fuori del calcio. Si tratta di una immagine deformata che ci offrono in particolare le televisioni, quella pubblica, si fa per dire e le grandi reti come Sky. Eppure ci sono atleti che stanno onorando i colori del nostro paese, in sport trascurati che nel passato ci hanno dato grandi campioni. Parliamo dello sci, maschile e femminile, sport e passione insieme, che sta tornando in grande spolvero grazie a due campioni, gente della montagna, di poche parole, un anziano come Manfred Moelgg, 34 anni, un’età in cui qualche anno fa era impensabile gareggiare ancora, e una giovane, 24 anni, Sofia Goggia, che scia perché gli piace, vive alla giornata.

Moelgg da molti anni, una decina, non saliva sul podio. Ora sembra ci abbia preso gusto. E’ riuscito a Zagabria a salire sul podio più alto e sta conquistando la seconda piazza nelle gare più importanti. Nella tappa svizzera di Coppa del Mondo, slalom speciale di Adelboden, sul difficile pendio della Kuonisbergli, è giunto alle spalle del norvegese Kristoffersen distaccato di 1secondo e 83centesimi. Si è ripetuto a distanza di pochi giorni in una impresa difficile ed  è certo , lo dice lui stesso, che nelle prossime gare riuscirà  a salire sul podio più alto.

Anche Sofia Goggia ha conquistato quattro secondi posti, poi ha interrotto la serie e per quattro volte, fra slalom e discesa libera, è andata fuori pista. Dice che  può capitare, che lei ce la mette tutta, ma non ne fa una tragedia. Anzi  si ripromette di salire sul podio più alto. I secondi posti e il quarto nella classifica di Coppa del Mondo sono un risultato di tutto rispetto visto che c’è una sciatrice che si chiama Mikaela Shiffrin, statunitense, nel cui carnet ci sono ben 27 vittorie. Che l’azzurra le stia a ruota è già un risultato.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.