Francia. I socialisti approvano le regole per le Primarie per le presidenziali che si terranno il 22 e il 29 gennaio. Con Hollande candidato eccellente

Francia. I socialisti approvano le regole per le Primarie per le presidenziali che si terranno il 22 e il 29 gennaio. Con Hollande candidato eccellente

Il Consiglio nazionale del Partito socialista francese ha approvato domenica 2 ottobre all’unanimità le modalità di svolgimento delle Primarie per le elezioni presidenziali del 2017. Le primarie socialiste sono state fissate il 22 e il 29 gennaio 2017, e saranno allargate a candidati della Belle Alliance, che comprende il Fronte democratico e gli ecologisti, e della formazione nata dall’iniziativa dell’ex ministro Arnaud Montebourg. Il Consiglio nazionale, che aveva deciso di organizzare le Primarie lo scorso 18 giugno, ha poi precisato le regole.

Il Partito socialista ha deciso di riprendere le medesime regole relative al cosiddetto Patrocinio fissate nel 2011: 5% dei parlamentari socialisti, oppure 5% dei membri del Consiglio nazionale, oppure 5% dei sindaci di comuni superiori a 10.000 abitanti ma ripartiti su dieci dipartimenti e quattro regioni, oppure 5% dei consiglieri regionali e dipartimentali di dieci dipartimenti e quattro regioni.

Gli uffici elettorali vennero fissati nel 2011 a 9.400, mentre questa volta si dice che debbano essere “in numero non inferiore a 8.000”.

Per quanto riguarda il finanziamento ai candidato, il Partito socialista s’impegna a mettere a disposizione “una dotazione di 50.000 euro nel rispetto della legge”, “la diffusione dei materiali di propaganda”, “e i locali del partito”.

Gli interessati potranno presentare la candidatura tra il primo e il 15 dicembre, mentre la campagna elettorale vera e propria avrà inizio il 17 dicembre.

Chi saranno i candidati probabili? Naturalmente Francois Hollande, presidente uscente; Marie-Noelle Lienemann e Benoit Hamon, della sinistra del partito – così come Montebourg – hanno già manifestato l’interesse alla candidatura. Francois de Rugy per gli ecologisti e Jean-Luc Bennahmias del Fronte democratico saranno quasi certamente della partita. Il partito radicale di sinistra dovrà far conoscere la sua decisione su una eventuale partecipazione alle Primarie solo a dicembre. Arnaud Montebourg scioglierà la riserva sulla sua candidatura solo domenica prossima nel corso di un’intervista sul principale canale televisivo francese TF1.

Al termine del Consiglio nazionale, la ministra dell’Istruzione Najat Vallud-Belkacem si è detta certa che Hollande non teme alcun avversario alle Primarie, e che di certo le vincerà fin dal primo turno.

Share

Leave a Reply