Referendum trivelle. Un week end denso di mobilitazioni. Alcuni appuntamenti

Referendum trivelle. Un week end denso di mobilitazioni. Alcuni appuntamenti

Ci sarà un “Vota SI’ per fermare le trivelle” lungo quanto l’Italia, nell’iniziativa di mobilitazione nazionale “Mille piazze, un mare di sì” che si tiene da oggi fino a domenica. Si farà informazione di base sui contenuti del referendum, magari organizzata dagli studenti, come succede a Sondrio, oppure si andrà in carovana ciclistica a tappe come previsto tra Teramo e Pineto. Si useranno toni ironici come a Bari che dice “No alle trivelle, sì alle friselle” organizzando attività sportive e ludiche alla spiaggia Pane e Pomodoro oppure ad Arcore con la biciclettata “Pedali e pedivelle contro le trivelle!”. Si metteranno in luce i guai delle trivelle anche a terra a Villa d’Agri, in provincia di Potenza, dove parleranno le aziende agricole biologiche che resistono al petrolio e soprattutto a Taranto, nel flash mob che vedrà centinaia di passeggini vuoti sfilare per chiedere un altro sviluppo. A Milano ci sarà un set fotografico con sdraio e ombrelloni in “Mettici la faccia, il mare a Milano!” mentre a Napoli sarà organizzato un presidio e una catena umana “sporchi di petrolio”. E sarà un vero e proprio sì lungo 12 miglia quello che verrà tracciato con “SiPedala!”, una biciclettata dal Parco del Valentino ai Giardini della Cavallerizza Reale per sensibilizzare e invitare i torinesi a votare il 17 aprile.

A tirare la volata al referendum che si tiene tra soli 9 giorni, saranno in tutta la penisola una miriade di eventi, incontri, avvenimenti, assemblee, proiezioni di film o semplici gazebo informativi organizzati localmente e messi in rete dal Comitato nazionale “Vota Sì per fermare le trivelle”. Una marea blu, stavolta, che si mobilita per ricordare le ragioni del sì: la spinta verso un futuro energetico sostenibile, le preoccupazioni per il clima che cambia, la sicurezza del mare, la richiesta di partecipazione alle scelte di politica ambientale e anche la difesa di uno strumento, il referendum, che si vuole privare di significato sostenendo l’astensione.

“In questi soli due mesi di attività, le circa 300 organizzazioni che compongono il comitato hanno messo in movimento intelligenza e creatività per superare il percorso a ostacoli che era stato disegnato per oscurare il referendum”, dice la coordinatrice del Comitato Vota sì per fermare le trivelle Maria Maranò. “Oggi, la consapevolezza sulla consultazione e sulla sua importanza sono enormemente cresciuti. L’informazione sulla posta in gioco – quella di un paese che valorizzi le sue risorse rinnovabili invece di puntare sullo sviluppo fossile – sta arrivando ai cittadini, abbiamo solo 10 giorni di tempo per raggiungere tutti gli italiani e invitarli ad andare a votare e a votare SI contro le trivelle”.

Le iniziative organizzate di comitati locali Vota Sì per fermare le trivelle, dalle organizzazioni  ambientaliste, sportive, culturali, agricole, del lavoro, del turismo, enti locali e da gruppi di cittadini volontari che si terranno in centri piccoli e grandi di tutta Italia nel week end tra l’8 e il 10 aprile sono sul sito www.fermaletrivelle.it.

Di seguito solo alcuni degli appuntamenti:

Venerdì 8 aprile

VICENZA – Chiostri S. Corona ore 20.30, Dibattito con Roberto Ciambetti (Presidente Consiglio regionale) , Roberta Radich (Coordinamento nazionale. No Triv), Valentina Dovigo (Consigliere comunale Vicenza).

ANCONA – Visita studio della delegazione della piattaforma One Adriatic, la rete di associazioni che ha lavorato per contrastare le trivellazioni in Croazia, Slovenia, Montenegro, Albania e Bosnia Erzegovina. Conferenza stampa ore 11 presso l’Aula del mare, Largo Moro Santa Maria.

PERUGIA – Presentazione del Dossier “Sporco Petrolio” di Legambiente al Festival Internazionale del Giornalismo – ore 11 Sala Partecipazione.

AMELIA (TERNI) – “In nome del petrolio” – ore 21 sala Boccarini, piazza A. Vera Assemblea pubblica sul referendum contro le trivelle, parteciperanno: Gianni Di Mattia (Legambiente Umbria) e Francesco Fossati (Legambiente Amelia). Seguirà la proiezione del film “Nero petrolio”.

ROMA – DiStrada Festival – Largo Dino Frisullo – ex Mattatoio ORE 17 fino a domenica 10 aprile ore 24,00. Evento gratuito per bambini e famiglie sulla Strada declinata in vari modi. organizzato da Consorzio Città dell’Altra Economia

ROMA- “Il referendum del 17 aprile: le trivellazioni in mare e le ragioni per votare Sì”. Incontro-dibattito sul referendum e presentazione del documentario indipendente “Italian Offshore” – organizzata da Centro Livio Maitan.

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TERAMO) – Reading di poesia “La Trivella”.  Via E. de Amicis, 13 alle 21

NAPOLI –  Piazza serale informativa e aperitivo a Largo Giusso
SALERNO – Concerto Referendum Vibration, circolo Arci MumbleRumble
CELLINO SAN MARCO (BRINDISI) – “Ecco perché #VOTOSÌ al referendum del 17 aprile” – Piazza Aldo Moro – 19:30-20:30 – Incontro pubblico con Daniela Spera, Coordinamento No Triv – Terra di Taranto.

CATANZARO – “La montagna e il mare per dire stop alle trivelle” – Ore 14 fino a sera, la Lega Nazionale Montagna Uisp sarà a Káulon (Monasterace Marina). Chi vuole partecipare lo può fare da terra, da mare, col treno, in auto, a piedi, in bici, in moto, in canoa e a cavallo.

PALERMO – “17 Aprile : Vota SI per un percorso verso la sostenibilità”. Alle Vecchie Stalle del Castello. Interverranno Aurelio Angelini docente universitario UNIPA, sociologia dell’ambiente e direttore UNESCO Sicilia; Mario Cicero, direttore Distretto turistico delle Madonie.

Sabato 9 aprile

IVREA –  “Bicifestazione energie pulite in movimento!” , Piazza Ottinetti dalle 15 alle 19. Appuntamento con le biciclette per percorrere l’anello della città e accogliere i ciclisti che arrivano da

Quincinetto, Piverone, Parella e Strambino. Dalle 16,30 festa, merenda, happening artistico, musica. Organizzato da Comitato “Vota SI per fermare le trivelle Eporediese”

SONDRIO – “Quello che le televisioni non dicono”, piazza Garibaldi alle 13  – Gli organi di stampa locali non parlano del referendum, lo fa un gruppo di studenti che ha realizzato un documento di approfondimento.

GENOVA – Una giornata in piazza, dalle 15,30 alle 18,30. Banchetti informativi; laboratorio sulle energie rinnovabili e su quelle esauribili; gioco “un mare di petrolio; attività con il paracadute. Performance musicale. Murales mobile “Lascia il tuo segno per fermare le trivelle”.

TAGLIO DI PO (ROVIGO) – Dibattito ore 9,30 al Museo della Bonifica Idrovora Cà Vendramin con Ilario Si-monaggio (Cgil), Roberto Ciambetti (Presidente Consiglio regionale), Gian Carlo Mantovani (Direttore Consorzio bonifica Delta Po), Luigi Lazzaro (Legambiente).
TREVISO – Dibattito    Loggia Cavalieri, Piazza Signori alle 17. Partecipano Roberto Ciambetti (Presidente. Consiglio regionale), Andrea Zanoni (consigliere regionale), Marina Salvato (Comitato Vota Sì), Fausto Poz-zobon (Legambiente), Antonio Zamboni (Slow Food Veneto), Franco Zecchinato (Aiab), Nicola Atalmi (Cgil), don Albino Bizzotto.
BOLOGNA –  Percorso di sensibilizzazione al voto del 17 aprile, tutti vestiti d’azzurro. Appuntamento alle 14.45 nei pressi della fontana del Nettuno, “Il dio del mare”, per un’azione di visibilità in gruppo. Percorso itinerante per la T (Rizzoli) accompagnato da musicanti in acustico. Biciclettata con ritrovo alle 16.30 in via Rizzoli e partenza alle 17 – arrivo in  via Orfeo in festa. Organizza Comitato Vota SI per fermare Le Trivelle di Bologna.

PERUGIA – “Mass Mob”, incursioni nell’ambito del Festival Internazionale del giornalismo piazza 4 Novembre dalle ore 11 in poi.

PESCARA – Conferenza Stramba – Flash mob nei pressi della Nave di Cascella dalle ore 11. Saranno presen-ti, tra gli altri, la Presidente di Legambiente, Rossella Muroni; il vice presidente del WWF Italia Dante Ca-serta; il comico abruzzese Germano D’Aurelio, in arte ‘Nduccio; una delegazione della piattaforma One Adriatic, che riunisce le associazioni ambientaliste di tutti i Paesi adriatici (Italia, Croazia, Slovenia, Monte-negro, Albania e Bosnia Herzegovina) e i membri del coordinamento regionale “17aprilevotasi” che orga-nizza l’event).
CHIETI – “Vota sì: pane e olio e non petrolio”: dalle 16 alle 21, assaggio, degustazione, intrattenimento, al-legria e informazioni con l’olio buono protagonista. Partecipa il gruppo musicale “Compagni di Viaggio”.
PINETO (TERAMO) – “SI Pedala. Biciclettata per il Referendum e Concerto” – Villa Filiani dalle 9,30 alle 19. Live: La scienza In Valigia, Luca Bassanese – Mercatini e artisti di Strada.

SALERNO –  Critical Mass e manifestazione sulle fonderie pisano con concerto
TARANTO – “Mai più passeggini vuoti a Taranto” – Piazzale Democrate dalle  10 alle 13 – Corteo dei passeggini vuoti verso il ponte Sant’Eligio e parata sul mare di imbarcazioni (con i rematori della Magna Grecia e del Palio).  Accompagnamento musicale (cornamusa di Roberto Shambu e musicisti del Paisiello). Organizzato da: Genitori Tarantini, WWF Taranto, Taranto Lider, Legamjonici, Coordinamento NO TRIV Terra di Taranto

VILLA D’AGRI (POTENZA) – PrimaveraBioAiab in Val d’AgrI – c. da Barricelle di Marsicovetere – Dalle 9 alle 20 un viaggio in Val d’Agri nelle aziende agricole biologiche che resistono al petrolio.

CROTONE – “STOP TRIVELLE” – Lungomare zona navale ore 10 – La Uisp Crotone, in collaborazione con altre associazioni del terzo settore, organizza una manifestazione di sensibilizzazione per la cittadinanza allestendo una serie di stand informativi, a cui si affiancherà un dibattito sul tema del referendum e si coinvolgeranno le cooperative della pesca con le loro barche per effettuare una dimostrazione in mare.

COSENZA- – Flash Mob ore 16,30 in Corso Mazzini (Municipio); ore 17,30 in via Brenta, dibattito pubblico sulle ragioni del SI al Referendum del 17 Aprile. Partecipano Stefano Ciafani, direttore Legambiente; Fran-cesco Delia del Comitato Regionale Vota SI per Fermare le Trivelle; Umberto Calabrone, Camera del Lavo-ro CGIL Cosenza; Massimo Covello, FIOM Calabria; Ciro Bacci, FIM CISL; Vincenzo Farina, Confesercenti- FIBA.
SIRACUSA – “Perché partecipare al referendum” – Centro giovanile – Viale Piersanti Mattarella, ore 18. Organizzato da Il Comitato No Triv Sicilia

PALERMO – “Veleggiata U mari un si spirtusa”, Porticciolo della Cala, ore 10. A bordo delle imbarcazioni della Lega Navale Italiana – Sezione Palermo Centro, si svolgerà una veleggiata, in collaborazione con il gruppo locale di Greenpeace, per sensibilizzare al voto contro le trivellazioni in occasione del Referendum.

AGRIGENTO – “Piazza per un mare di sì” alle ore 17, in piazza Marconi. Un flash mob in tutti i partecipanti contribuiranno con la loro attiva presenza a disegnare sulla piazza un grande VOTA SI umano. Organizzata da Comitato Agrigento “Vota SI per fermare le trivelle”

Domenica 10 aprile

MILANO – Festa del Riciclo, dalle 10 alle 19, con punto informativo sulle trivelle e set fotografico “Il mare a Milano”.

BRESCIA – Manifestazione “Basta Veleni per il diritto alla salute e al futuro”, ore 14,30 al Parco Gallo Via Ce-falonia.
VARESE –  In bici contro le trivelle, ore 11 Lago di Varese, partenza da località Schiranna.
ARCORE – “Pedali e pedivelle contro le trivelle!” a Largo Vincenzo Vela (ingresso parco Villa Borromeo). Ritrovo ore 9.

NAPOLI –  Presidio alla rotonda Diaz e catena umana con partecipanti sporchi di petrolio e striscioni sul lun-gomare con le barche.
CAMPOBASSO – Un flash mob con un mare di petrolio nero. Piazza Municipio, ore 12 organizzato dai ra-gazzi dell’UDS Molise e Legambiente Molise.
BARI- “No alle trivelle, si alle friselle” presso Spiaggia Pane e Pomodoro, ore 10. Esibizioni e competizioni sportive, dalla canoa alla barca a vela, dalla pallavolo al beach tennis. Ci sarà spazio anche per la degustazione di un prodotto tipico pugliese come le friselle. Organizzata da Comitato Uisp Bari

LICATA (AGRIGENTO) – “Arte, musica, cultura contro le trivelle” a Piazza Elena, dalle 10 alle 23. Saranno allestite mostre, proiezioni e spazi per dibattiti. Organizzata da Coordinamento referendario “Licata vota SI contro le trivelle”.

TARANTO – “Flash mob in bicicletta”, Lungomare Arsenale. In bicicletta per via Di Palma, piazza Immacolata, via D’Aquino per dire “Stop trivelle! Al referendum Voto Sì”. Organizzato da Comitato Vota Sì per fermare le trivelle di Taranto

PALERMO – “Abbracciamo il Mare, catena umana: stop alle trivelle” alla Spiaggia di Mondello (tra il lido “Ombelico del Mondo” e il Charleston), ore 10.Si potrà partecipare a un Drum Circle, segue esibizione estemporanea di Danza Africana, poi tutti i partecipanti saranno coinvolti a realizzare una catena umana lungo tutta la spiaggia al ritmo di musica dei Djembe. Organizzata da CostruiamoBeneComune Palermo e Greenpeace.

PALERMO – “Si Amo il Mare, due ruote contro le trivelle”. Partenza da Piazza Castelnuovo alle 10.30. Peda-lata nel centro storico della città e arrivo alla Cala- Oganizzata da Sicilia a Ruota Libera e Incontemporanea – Arte Attiva.

LICATA – “Licata in festa per il Si al referendum”, ore 10.30 Una giornata all’insegna dell’ informazione e della partecipazione attiva. Dibattiti , spettacoli e molto altro per la sensibilizzazione al referendum del 17 aprile. Organizza Comitato referendario Licata

MODICA – “Dobbiamo essere un mare”, ore 16, scalinata di San Pietro. Flash mob con un capo di abbiglia-mento azzurro. Organizza Legambiente Modica Circolo Melograno.

Share

Leave a Reply