Money trasfer, truffa da un miliardo di euro

Money trasfer, truffa da un miliardo di euro

I finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria hanno eseguito 18 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Roma, Vilma Passamonti, su richiesta dei Pubblici Ministeri Nello Rossi, Paola Filippi e Corrado Fasanelli, nei confronti altrettanti soggetti responsabili, a vario titolo, di aver riciclato e trasferito all’estero, attraverso il circuito dei money transfer, più di un miliardo di euro, provento di svariati reati. I dettagli dell’operazione saranno resi noti alle ore 14 nell’ambito di un incontro con la stampa presso la Procura della Repubblica di Roma. In particolare, è in corso maxi operazione antiriciclaggio in tutta Italia ad opera della Guardia di Finanza di Roma. I militari del Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Capitale, hanno notificato le ordinanze tra Roma, Napoli, Bari e Trento ad altrettanti soggetti ritenuti responsabili di una frode quantificata in oltre 1 miliardo di euro. I destinatari del provvedimento firmato dal gip Vilma Passamonti sono accusati dalla procura capitolina di aver inviato in Cina tramite una capillare rete di money transfer sparsi in tutta la Penisola, denaro proveniente da attività illecite, per lo più riconducibili ad evasioni fiscali. Un “fiume di denaro” (questo il nome dell’inchiesta ndr) che gli autori spedivano in Oriente spacchettandoli in blocchi da 999 euro l’uno, eludendo così le normative sulla tracciabilità nel trasferimento di denaro contante.

Share

Leave a Reply