Fp Cgil. Da oggi a domenica a Napoli le “Giornate nazionali dei servizi pubblici”

Fp Cgil. Da oggi a domenica a Napoli le “Giornate nazionali dei servizi pubblici”

Accoglienza, ambiente, cultura, lavoro, salute, sicurezza e welfare: alcuni dei diritti che la Costituzione prevede e che i servizi pubblici offrono quotidianamente ai cittadini. Sarà questo il senso delle “Giornate nazionali dei servizi pubblici”, l’annuale iniziativa della Funzione Pubblica CGIL, da oggi a domenica a Napoli: mostrare ai cittadini il valore irrinunciabile dei servizi pubblici.

Quattro giorni di iniziative che partono oggi con un’anteprima al Cortile di Santa Chiara, con il coinvolgimento degli studenti dell’Udu, e che proseguiranno da domani a domenica in piazza del Plebiscito che si trasformerà nella “piazza dei Servizi Pubblici”.  Orientati dalla Costituzione, questo il titolo delle giornate nazionali della Fp CGIL, presentate oggi a Napoli in una conferenza stampa presso la CGIL di via Toledo alla presenza del segretario generale della Fp CGIL Napoli e Campania, Alfredo Garzi, del segretario nazionale della categoria, Fabrizio Rossetti, e dal vicesindaco del capoluogo partenopeo, Enrico Panini. Lunga la lista degli ospiti: tra questi, oltre Serena Sorrentino, segretaria generale Fp CGIL nazionale, Luigi de Magistris, Maurizio Landini, Tomaso Montanari e Giuseppe Provenzano (27 settembre), Roberto Speranza, Rosy Bindi e Pasquale Tridico (28 settembre). Il programma prevede anche appuntamenti musicali gratuiti in piazza Plebiscito: Marlene Kuntz domani sera, l’Orchestra Popolare ‘La Notte della Taranta’ sabato e, infine, Enzo Avitabile i Bottari con la Scorribanda e Tony Esposito domenica.  “Le giornate nazionali dei servizi pubblici sono un evento nazionale, per noi itinerante, perché vogliamo rafforzare il legame tra il lavoro pubblico e i cittadini”, ha affermato il segretario nazionale della Fp CGIL, Fabrizio Rossetti. “Quest’anno – ha aggiunto – mettiamo al centro i diritti, come il titolo dimostra ‘Orientati dalla Costituzione’, in una quattro giorni partenopea densa di appuntamenti. Il tutto con una precisa rivendicazione: serve un piano di occupazione nei servizi pubblici che assuma almeno 500 mila lavoratrici e lavoratori per evitare il collasso dei servizi”.

In piazza, infatti, si mostreranno ai cittadini i servizi pubblici sottolineando la necessità del varo di un piano straordinario di occupazione nel lavoro pubblico”. Il segretario generale della Fp CGIL Napoli e Campania, Alfredo Garzi, ha spiegato che “tra le tante questioni costituzionali che affronteremo in questa quattro giorni, per noi ha una particolare importanza la discussione sulle criticità della Regione, quali le origini e quali le strategie per superarle, e sul tema delle diseguaglianze: dai tassi di disoccupazione ai livelli di garanzia dei diritti fondamentali, il ritardo del Mezzogiorno è una delle principali emergenze che la politica dovrebbe affrontare”. Infine, Nicola Ricci, segretario generale della CGIL Campania: “Le giornate nazionali della Funzione Pubblica di Napoli – ha detto – saranno un’occasione per valorizzare il lavoro delle categorie a livello nazionale e regionale e daranno spazio anche a momenti di confronto e discussione sui temi dei diritti, dell’uguaglianza e della Costituzione oltre ad allargare l’orizzonte sulle crisi che stanno interessando la Campania con tavoli tematici e confronti”.

Share