Mondiali di calcio femminile in Francia. Sale l’attesa per l’esordio difficile delle azzurre con l’Australia

Mondiali di calcio femminile in Francia. Sale l’attesa per l’esordio difficile delle azzurre con l’Australia

Sale sempre di più l’attesa per l’esordio dell’Italia ai Mondiali di calcio femminile in Francia. Mancano tre giorni alla partita allo ‘Stade du Hainaut’ di Valenciennes contro la temibile Australia in una sfida molto attesa e che può già delineare le sorti del girone. A conferma del grande successo di organizzazione del torneo, sono già 16.500 i biglietti staccati per la sfida fra le azzurre e le australiane. Mentre la squadra agli ordini del ct Milena Bertolini prosegue nella sua preparazione nel ritiro di Valenciennes, il centravanti azzurro Barbara Bonansea lancia il guanto di sfida alle forti avversarie di domenica. Se Sam Kerr è la punta di diamante delle ‘Matildas’, l’attaccante della Juve può essere il grimaldello in grado di scardinare la difesa australiana, non imperforabile come dimostrano gli otto gol subiti nelle ultime due amichevoli con Stati Uniti e Olanda: “Per ora siamo tutte tranquille – ha dichiarato in conferenza stampa Bonansea – magari sentiremo la tensione quando arriveremo allo stadio. Spero che sia una tensione positiva e che si trasformi in qualcosa di bello. L’Australia è una bella squadra, tosta, ma ho la sensazione che possiamo fare bene. Diciamo che non mi spaventano”.

Il primo obiettivo da centrare per l’Italia è il passaggio del turno, ma l’attaccante fresca campione d’Italia con la Juventus non vuole porsi limiti: “Io voglio vincere. Non è scritto che debbano vincere per forza la Francia o gli Stati Uniti”. La coesione del gruppo è l’arma in più di questa Nazionale: “Nei prossimi giorni oltre a noi giocheranno la Nazionale Maggiore e l’Under 21, oggi tocca all’Under 20: noi faremo il tifo per loro, così come sono sicura che loro tiferanno per noi. La Federazione ci ha fatto sentire parte integrante di tutto questo azzurro”. Anche i numeri confermano l’importanza di Bonansea, con Cristiana Girelli unica azzurra sempre presente nelle qualificazioni a Francia 2019: soltanto la spagnola Jennifer Hermoso (9) ha servito più assist dell’ala della Juventus (6), che considerando le 3 reti realizzate è stata l’azzurra a partecipare attivamente a più gol (9). Non è un caso che la squadra più forte del Mondo, il Lione, l’abbia a lungo corteggiata.

“Due anni fa decisi di non andare perché mi affascinava il progetto Juventus”, ha ricordato Bonansea. Più del passato conta il presente, un Mondiale che può favorire la crescita di tutto il movimento: “Mio padre ha paura dell’aereo e quindi i miei si sono comprati un camper per venire in Francia a vedermi. Spero che domenica allo stadio ci siano tanti tifosi italiani, ci potrebbero dare una bella mano. Anche grazie a tutta questa attenzione mediatica ci stiamo facendo conoscere, spero che la gente che ci guarderà questa estate continui a seguirci anche in futuro”.

Share