Roma. Torna all’antico la Fontana delle Api di Piazza Barberini

Roma. Torna all’antico la Fontana delle Api di Piazza Barberini

Torna al suo antico splendore la Fontana delle Api di Piazza Barberini. Grazie alla generosità di un gruppo di mecenati olandesi il monumento, realizzato da Gian Lorenzo Bernini nel 1644, è stato restituito alla città venerdì mattina alla presenza dell’assessore alla Cultura di Roma Capitale, Luca Bergamo, e dell’ambasciatore dei Paesi Bassi.

“Questa piccola fontana – ha sottolineato il sovrintendente Claudio Presicce presentando il restauro – ha una sua bellezza estetica grazie alle invenzioni estetiche di Barberini” ma “necessitava di un intervento di restauro da parecchio tempo per renderle l’immagine originale. Grazie all’ambasciata dei Paesi Bassi che ha partecipato alla bellezza di questa città, che è in ogni angolo”. Il progetto di restauro nasce dalla volontà di questo gruppo di mecenati di rimediare ai danni provocati nel 2015 dai tifosi olandesi del Feyenoord alla Barcaccia.

La rapidità dell’amministrazione nel recuperare il monumento di piazza di Spagna ha però costretto l’associazione ‘Salviamo la Barcaccia’ a cambiare ‘obiettivo’. Per recuperare la Fontana delle Api, fino agli inizi del ‘900 collocato in un diverso punto della piazza, ci sono voluti circa 60 giorni di lavori e rientra nel progetto che prevede anche il restauro della Fontana di viale Tiziano. La volontà dell’ambasciata e dei mecenati olandesi di provvedere al restauro, ha aggiunto il sovrintendente Presicce, “è un segnale chiaro che sottolinea come il gesto di vandalismo nei confronti della Barcaccia non avesse nulla a che fare con il sentimento del popolo olandese”. Concetto ribadito anche dall’ambasciatore dei Paesi Bassi: “Oggi è un giorno molto felice perché stiamo trasformando una brutta vicenda per cui la maggior parte degli olandesi si vergognava in qualcosa di bello”.