Arresti e provvedimenti giudiziari eccellenti ad Alghero. Arrestato il vicesindaco, divieto di dimora per l’ex Juventus Cuccureddu

Arresti e provvedimenti giudiziari eccellenti ad Alghero. Arrestato il vicesindaco, divieto di dimora per l’ex Juventus Cuccureddu
È stato disposto dal Gip di Sassari il divieto di dimora ad Alghero per l’ex calciatore della Juve Antonello Cuccureddu. Nell’inchiesta giudiziaria sono state coinvolte complessivamente cinque persone, fra cui il vicesindaco di Alghero, Antonello Usai, finito ai domiciliari con l’accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità, turbativa d’asta, falso ideologico e materiale commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici.  I provvedimenti, firmati dal gip di Sassari su richiesta della Procura locale, sarebbero legati all’assegnazione di un campo di calcio e di una pista di atletica al centro sportivo della città. Gravi le accuse: Induzione indebita a dare o promettere altra utilità e turbata libertà degli incanti.
Queste le accuse principali mosse dalla magistratura alle cinque persone coinvolte nell’inchiesta. “L’indagine – spiegano i carabinieri del Noe – avviata nel luglio 2016 e coordinata dalla Procura della Repubblica sassarese, ha permesso di accertare come gli indagati avessero favorito, nell’ambito della procedura ad evidenza pubblica con bando di gara e disciplinare indetto dal Comune di Alghero, l’Associazione Polisportiva Dilettantistica di Antonello Cuccureddu 1969, assegnandole, in concessione per la durata di sei anni, la gestione della struttura sportiva comunale polivalente di atletica e calcio denominata Maria Pia”. In particolare, Usai avrebbe abusato delle proprie funzioni per favorire la società dell’ex calciatore, mediante la maggiorazione dei punteggi e la falsificazione dei verbali di gara. I funzionari che si sarebbero fatti così condizionare – Salvatore Mulas e Giovanni Salvatore Chessa – sono finiti agli arresti domiciliari. Quanto a Cuccureddu, dicono i pm, “avrebbe, assieme al segretario della polisportiva Efisio Balbina, concordato con i suddetti pubblici ufficiali di visionare la documentazione amministrativa e tecnica della citata associazione sportiva, prima del deposito e della presentazione delle altre offerte”.
 
Share