Denuncia del Consap sui disordini del dopo –Derby di Roma

Denuncia del Consap sui disordini del dopo –Derby di Roma

“Il governo italiano sta investendo sul turismo sbagliato”, usa l’ironia la Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia, per commentare quanto è accaduto ieri a Roma per il derby di calcio della Capitale, quando le Forze di Polizia si sono trovate a fronteggiare la ‘feccia degli ultras’ di tutta Europa, “calati su Roma come un’orda di barbari”. Così una nota del Consap. “Siamo diventati nei fatti il paese da calpestare anche sobbarcandosi lunghe trasferte: la Barcaccia devastata, Milano incendiata, la zona nord di Roma off limits per oltre 10 ore – dichiara il Segretario Nazionale della Consap Stefano Spagnoli – sono episodi che si ripetono con preoccupante puntualità e che devono far riflettere profondamente chi per legge dove garantire la sicurezza dei cittadini, magari con norme meno permissive che sleghino finalmente le mani ai tutori dell’ordine”.

“A Roma – prosegue la Consap – è stato messo in campo uno schieramento di uomini e mezzi senza precedenti eppure non è bastato per impedire scontri gravissimi, con due accoltellamenti e per fortuna, almeno stavolta, nessun ferito tra le Forze dell’Ordine che hanno agito con altissima professionalità per impedire il peggio, ma ormai tutto questo impegno non basta più, il messaggio i poliziotti della Consap lo indirizzano alla politica ed alla strategia dell’evitare il contatto, che sta trasformando questo Paese in un territorio senza legge, dove le divise hanno le mani legate e la magistratura le maglie larghe. Il problema non è spostare orari e giorni – prosegue Spagnoli – ma legiferare per recuperare un minimo di certezza del diritto e della pena, perché quando un’orda di barbari decide di partire da Varsavia, piuttosto che da Sofia o Copenaghen, armata fino ai denti l’unico modo per impedire che questo si ripeta e metterli in galera”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.